Mamma Dolce BLOG

Pedofilia – Abusi – Violenza –

Giovani

ANGELO

GIOVANI: le amare considerazioni di un ventenne che accusa il mondo adulto.

Tecnicamente, noi, neanche esistiamo, se fate una semplice ricerca, anche su wikipedia e inserite la parola “giovani”, non avrete nessun risultato, se non il suo sostantivo GIOVINEZZA

La giovinezza rappresenta quella fase, relativamente allo sviluppo umano, compresa tra l’adolescenza e la vita da adulto

SI, HO CAPITO, MA NOI? siamo cosi poco meritevoli da non avere nemmeno una spiegazione e/o definizione come tutti hanno? forse è cosi, o forse no..

Ma in entrambe i casi chi è cosi degno e superiore da poter dire ciò che siamo, che  non siamo e che meritiamo??? Solamente DIO, per chi ci crede, non di certo gli adulti, sono cosi elevati, nei nostri confronti, da poterci cosi giudicare……. non mi pare proprio!

Sono del parere che l unica  cosa possibile, per giudicare, a parte la via religiosa, sia l’auto confronto, l’autoanalisi, dove all’interno di un gruppo arrivi un momento ove ci si possa auto-identificarsi-valutarsi.

Questo potrebbe anche essere un fatto che determina l’accrescimento del gruppo stesso, un momento in cui ci si comincia a rendere conto di ciò che si è ed a potersi dare una posizione.

Tutto questo inutile monologo, semplicemente per dire, che nessuno può giudicare una persona o una categoria, a meno che non vi appartenga, perchè non potrà mai capire i principi che le appartengono  e non ci  si può nemmeno nascondere dietro un “ci sono passato anche io”,  perchè era comunque un’altra generazione, altri tempi………

Nel mondo in cui viviamo oggi è davvero molto difficile, confrontarsi nella società, anche tra stessi “gruppi”, questo è dato da un fatto di cultura, di interessi, di ideali, modi di vita e punti di vista diversi.

Viviamo in una società stanca, esausta, oberata dal lavoro, dalle responsabilità, dai doveri,…….e ci si ritrova  in famiglia, la sera, che il padre torna e il figlioletto, orgoglioso di un suo disegno, corre nel soggiorno a salutare il papà, se ci riesce lo abbraccia, e gli chiede. “vieni  papà, guarda cosa ho fatto oggi…..”, ma lui è stanchissimo, il matrimonio che sta andando a rotoli, le lettere dalla banca, le rate del mutuo, lavoro extra, le litigate con il capo, e la macchina che si rompe,……………

C’è  inevitabilmente  la risposta di un padre stanco, talmente stanco che delle volte sembri addirittura stanco di vivere….”non adesso, dopo, dopo vengo….”… è questa frase ce se la sente dire sera dopo sera, settimane, mesi……e quando, da 12 anni, arrivi che ne hai 17 …..

.” Pà, guarda che so riuscito  a fa sul computer, so troppo forte…”………e  per l’ennesima volta..”non adesso, dopo, dopo vengo….”, il figlio si sente una vera carica, di rabbia sicuramente, e invece di andarsene a coda bassa come sempre, lo guarda gli s’impunta davanti, e  “…..ma vaffanculo….mi  dici sempre cosi  perchè  non te ne frega niente e non perchè non hai tempo, perchè invece di metterti a leggere il corriere dello sport  dovresti venire a interessarti di tuo figlio, almeno quando te lo chiede……”…” mamma, stasera vado a dormire da Paolo..perchè mi sono stufato di stare qui in mezzo al nulla….”….mamma “ no, dove vai asp…” “ bam……”……..

Questa, per me, giustificata azione in realtà non fa altro che peggiorare la situazione perchè s’innescano una serie di bombe…….

….il  padre si arrabbia ancora di più, perche non capisce “ ma che vuole, è viziato perchè c’ha  tutto, che altro gli devo comperare.”. la madre si mette a litigare con lui, “ ecco guarda cosa hai fatto, l hai fatto scappare dalla sua famiglia….ignori tutto e tutti, proprio come fai con me….bla bla…”……………tempeste  di chiamate arrivano sul cellulare del figlio, il quale preferirebbe, spaccare il telefono per terra piuttosto che rispondere,in quel momento…. Lo spegne…..e non andrà da paolo, almeno per il momento, ci andrà più tardi dopo aver smaltito……

…è una serata nera, è nuvoloso e sta per piovere, ma per lui è indifferente e vuole raggiungere il suo unico rifugio, mentale, che gli permetterà di rilassarsi, un attimo……….cammina ……a passo lento e senza guardare avanti , ma solo le scarpe, affianca il fiume, lo guarda…..trova una panchina ,ci si siede, e comincerà,a guardare il fiume che scorre,senza neanche dire  una parola, il fiume parlerà per lui….., i caratteristici suoni, fluviali, si insinueranno nella sua mente a fargli compagnia e a coccolarlo……milioni di domande, milioni di perche, affioreranno contemporaneamente dalle sue meningi…. Per poi alzarsi, e..”fanculo..” e dopo aver fatto questo reset, andare con un nuovo volto dal suo amico…..

Questo  però è un modo, uno dei più sani, che affiora tra pochi ragazzi, ci sono tanti, che non riescono a sopportare un clima del genere in famiglia, e cominciano davvero a rovinare la loro vita, non se ne fanno una ragione, il peso aumenta…di  giorno in giorno…finchè  non si accorgono (purtroppo) che ci sono dei mezzi, che riescono a fargli scordare tutto, che li fanno stare bene perchè  li distaccano dalla realtà, perchè li fanno vivere  per poche ore in un mondo loro , fantasioso, senza mamma e papà, senza  le litigate, senza brutti ricordi, senza  il peso della scuola i commenti dei genitori ecc…..

…e purtroppo cominciamo a parlare di alcool e droghe, fino a 25 anni fa circa, persone davvero disperate che si affidavano, assumendo trattamenti del genere, potevano essere 1000 su un milione, ora, è diventata quasi una routine!!, ora  lo fanno, senza neanche sapere il vero perchè, e se gli viene  chiesto, cominciano a sparare la prima cosa triste che gli salta in mente……, il cane, il gatto, il topo, casa, scuola, amore…….

Ovvio c’è veramente chi ha seri problemi e che certo non si può dire che quindi sia giustificato,se magari si droga  o ubriaca tutte le sere fino a sentirsi male, ma possiamo dire, che è ancora più stupido è chi lo fa,per appunto routine…….. li non ha davvero senso anche perchè lo fanno in assoluto con incoscienza e inconsapevolezza.

Purtroppo, questa è la gioventù, si probabilmente una gioventù buona, per certi aspetti e in rari casi anche nobile , ma bruciata, dai problemi, da problemi che si portano tutti dalla crescita, che qualcuno involontariamente ne è “colpevole”

In tutti noi, c’è una piccola grande forza che ci spinge ad andare avanti,e asseconda di come siamo, questa forza la possiamo , amplificare, far uscire,favorire..o al contrario la possiamo bruciare denigrare,reprimere, odiare, o semplicemente far finta che non ci sia…….

Viviamo in un mondo di illusioni, viviamo in un mondo ,ingiusto in un mondo che non ci piace, ed è per questo, che per molti “serve” creare il loro mondo “a tempo” perfetto…..lasciando quello in cui davvero viviamo, totalmente alla deriva………….

quando ci assentiamo, cosi, e come se  lasciamo una nave senza passeggeri…….essa andrà alla deriva, e cosi il nostro mondo…..invece di prenderne  il timone  in mano, o quanto meno provarci, noi lo lasciamo, e  ci piace rinchiuderci in una stanza dove invece di falsi timoni ne possiamo toccare a migliaia…anche  se sappiamo che questi però non potrebbero mai portarci da nessuna parte……………….

…” TIMONIERIII, AL LAVORO……….”

Angelo


Annunci

3 thoughts on “Giovani

  1. un’analisi la tua, “giustiziere degli angeli” che mi permetto definire spettacolare. E sfido chiunque a negarlo! la spettacolarizzazione di eventi quotidiani di nessun conto, dalla valenza espansiva, antimaterie del tempo caricate per esplodere nel reale, il tuo dire letterario, vissuto, capito e offerto com’è, senza fronzoli o abbellimenti, disegna come di rado ammirato, la realtà delle cose, il vuoto, il nulla, la fine. Senza un fine è solo la fine.
    un piccolo capolavoro, un tesoro, la tua parola, da non perdere

    • Cara amica mia, questo è quanto ha scritto Angelo, un amico speciale di questo blog! Ed è a lui che và il plauso per aver descritto da dentro ai suoi giovani anni quanto lui stesso vive e soffre.

    • ..ECCOMI QUA….ringrazio per i gentil pensieri, ma non ho fatto altro che raccontare la verità,che poi probabilmente appartiene a molte persone, e che semplicemente si riesce a scorgere guardando in faccia molti ragazzi; quanta paura,quanta desolazione…si riesce a vedere nei loro cuori,ma solo chi è forte e si rende conto puo riprendere “il timone”….ma chi si lascia andare..non è perduto….deve solo imparare….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...