Mamma Dolce BLOG

Pedofilia – Abusi – Violenza –


7 commenti

Rignano Flaminio: il 12 dicembre inizia il processo d’appello.

rignano-770x577

 

La terza Corte d’Appello di Roma prenderà in esame a cominciare dal 12 dicembre prossimo il processo di secondo grado per le presunte violenze sessuali che tra il 2005 e il 2006 avrebbero subito i bambini della scuola materna Olga Rovere di Rignano Flaminio. A rivolgersi ai giudici di secondo grado per contestare l’assoluzione, con formula piena, delle 5 persone processate (le maestre Patrizia Del Meglio, Marisa Pucci, Silvana Candida Magalotti nonché la bidella Cristina Lunerti e il marito della Del Meglio, Gianfranco Scancarello, autore di testi televisivi), sono stati il procuratore capo di Tivoli, Luigi De Ficchy, e l’avvocato Carlo Taormina, per alcune delle parti civili.

 

Il nostro ordinamento giuridico (vale la pena ricordarlo) prevede ben TRE gradi di giudizio e, sino a quando questi non si sono conclusi, si è sia INNOCENTI sia COLPEVOLI almeno per quanto riguarda la legge. Ben altra cosa ovviamente è la convinzione personale delle persone  che ultimamente mi sono permessa di lasciar esprimere liberamente anche qui. Tant’è che troverete due commenti (presumibilmente della stessa persona) a cui però voglio dire una piccola cosa: se si vuole rivolgere a persone adulte come Lei faccia come crede ma non si permetta di offendere dei bambini perché può solo dimostrare il suo livello di povertà morale e sociale e non ci fa una bella figura.

Per quanto attiene ai “calci in culo” che Lei cita Le dedico questa bellissima foto antica che ricorda a tanti la propria infanzia dove si aspettavano i giostrai per fare appunto un giro su queste spettacolari giostre per acchiappare il nastro e farsi ancora un giro gratis.

giostra_b_n


Lascia un commento

Pediatra e Pedofilo: la perversione di un professionista qualunque!

Il Giustiziere degli Angeli

Arrestato pediatra in flagranza di reato: le telecamere nascoste lo hanno fermato.

Tre “P”: Pediatra Pedofilo Perverso. Noi ne possiamo opporre solo una: Prevenzione!

Eppure, ancora una volta, questa storia ci riporta tra le righe della cronaca ad un fatto che disattende la nostra “P”! Già, perché circa 10 anni addietro c’era già stata una segnalazione circa comportamenti anomali su quest’uomo, Domenico Mattiello, ma tutto fù archiviato: era il 2002. Mattiello visitava i suoi piccoli pazienti nel suo studio ma anche in alcune scuole materne ed auto filmava i suoi abusi. Proprio da alcuni genitori dei piccoli iscritti all’asilo sono partite delle segnalazioni ed ha avuto inizio l’indagine che ha permesso di cogliere il “Pediatra” in flagranza: con una telecamera nascosta nell’asilo nido di Cariolato gli agenti hanno potuto vedere e fermarlo per tempo. Ad oggi non sappiamo ancora quanti bambini nel corso degli anni sono stati oggetto delle “Perversioni” di Domenico Mattiello che spesso visitava i piccoli in assenza dell’assistente sia negli asili che presso lo studio: bastava che dicesse ai genitori o all’assistente che doveva parlare da solo con la bambina!

Non è facile certo vivere la condizione di genitore o di persona stando sempre sul “chi và là”! Anche a me è capitato di sentirmi dare della “mamma ansiosa che fa oltremodo danni psicologici ai propri figli” ma vi evito la mia risposta. Ma non dobbiamo cadere in queste trappole! Non ci deve interessare la considerazione negativa che alcuni danno alle nostre preoccupazioni: i nostri figli vanno protetti da questi Perversi e tutte le categorie di quanti hanno a che fare con i bambini vanno guardate a vista. Nelle scuole abbiamo casi di pedofili tra i bidelli, gli insegnanti, i presidi. Negli oratori abbiamo pedofili tra i sacerdoti e le suore. Nello sport abbiamo insegnanti di pallone, volley, tennis, nuoto, arti marziali. Mi scuseranno alcune categorie se me ne dimentico, vero?

Non faccio altro che pensare a questi bambini come se fossero un barattolo di miele per attirare l’orso! Siamo ridotti a fare dei nostri bambini delle “esche” per prendere, come si dice a Roma, “er gatto cor sorcio n’bocca”! e questo non solo alla mancata nostra “P” di “Prevenzione” ma anche grazie a quella cultura del negazionismo alimentata da quanti “non credono ai racconti dei bambini” e li marchiano a fuoco come dei “piccoli bugiardi”. Io ai bambini credo e continuerò a farlo.

Per quanto riguarda Mattiello c’è da segnalare che ha confessato ma che ha anche detto «Non so cosa mi sia preso nell’ultimo periodo. Non capisco cosa mi sia successo», si è giustificato il professionista chiarendo di non aver agito in modo consapevole e calcolato ma sotto la spinta incontrollata di impulsi che sono nati improvvisamente dentro di lui. Attendiamo la perizia informatica disposta su cellulare, pc e videocamera. Spero che presto in Italia cambi qualcosa e che Mattiello e gli altri pedofili abbiano la stessa pena riservata in Delaware al suo collega Earl Bradley: fine pena MAI. Sono troppi i “recidivi” in libertà!!!

 Arresto Mattiello

“Visitava anche da solo”

L’indagine archiviata

Pediatra pedofilo Earl Bradley