Mamma Dolce BLOG

Pedofilia – Abusi – Violenza –


Lascia un commento

Germania: prete pedofilo ammette 280 abusi sessuali

BERLINO – Un prete cattolico tedesco, accusato di pedofilia, ha confessato davanti alla corte che lo sta processando di aver commesso 280 abusi sessuali ai danni di alcuni minorenni. Lo racconta il giornale ‘Braunschweiger Zeitung’, che segue il caso giudiziario.

L’uomo, 46 anni, della Bassa Sassonia, conta a questo punto sul fatto che la sua ammissione possa avere un effetto sulla condanna, ammorbidendo la pena. Agli arresti domiciliari da meta’ giugno, il parroco e’ accusato di aver abusato di 3 minori, fra il 2004 e il 2011.

I ragazzini avevano fra i 9 e i 15 anni di eta’. I minorenni coinvolti frequentavano la parrocchia dei Santi di Salzgitter-Lebenstedt, dove operava il sacerdote, e qui qualche volta pernottavano. Inoltre avevano trascorso con il parroco alcuni periodi di vacanza, viaggiando con lui: erano andati a Parigi, nel parco di Disneyland, a Usedum e Salisburgo.

Annunci


1 Commento

431 anni di carcere per Phillip Garrido: rapì, segregò e violentò Jaycee per 18anni.

Il Giustiziere degli Angeli


Ho deciso di non essere qui oggi perchè mi rifiuto di sprecare un altro secondo della mia vita in vostra presenza. Ho preferito farvi leggere queste righe da mia madre. Phillip Garrido, sei sbagliato. Non sono mai riuscita a dirtelo, ma ora ho la libertà e ti dico che sei un bugiardo e tutte le tue cosiddette teorie sono sbagliate. Tutto quello che mi hai fatto era sbagliato e spero che un giorno te ne renderai conto. Quello che tu e Nancy avete fatto è stato riprovevole. Non c’è nessun Dio nell’universo che possa perdonare le vostre azioni. A te, Phillip, dico che sono sempre stata un oggetto del tuo divertimento. Ho odiato ogni secondo di quei 18 anni a causa tua e delle perversione sessuali in cui mi hai coinvolto. A te, Nancy, non ho nulla da dire. Entrambi potete risparmiare le vostre scuse e le vostre parole vuote. Per tutti i crimini che avete commesso, spero che avrete tante notte insonni così come le ho avute io. Sì, ripenso a tutti quegli anni e sono arrabbiata perchè avete rubato la mia vita e quella della mia famiglia. Fortunatamente ora sto bene e non vivo più in un incubo. Ho una famiglia meravigliosa e splendidi amici che mi circondano. Questo non potrete più togliermelo.

Questa lettera è stata scritta da Jaycee Lee Dugard ai suoi due aguzzini: Phillip Garrido e la sua degna moglie Nancy rapirono Jaycee quando aveva solo 11 anni. L’hanno tenuta segregata per 18 lunghi anni sottoponendola ad indicibili violenze, soprattutto quelle sessuali di Garrido. Jaycee non ha voluto partecipare all’udienza di condanna dei suoi due aguzzini ed ha fatto leggere in aula la lettera da sua madre. Oggi Jaycee vive in località segreta insieme alle sue due figlie adolescenti nate dalla violenza.

Sono stati condannati ieri nel tribunale di Placerville, in California: 431 anni di carcere per Phillip, il principale responsabile di tutto quello che è successo, mentre per sua moglie Nancy è stata stabilita una pena che va dai 36 anni di carcere all’ergastolo.

QUESTO LINK riporta ad un articolo di questo blog sul caso.


1 Commento

Infermiere abusa dei bambini in terapia intensiva!

Il Giustiziere degli Angeli

Riprendo da una segnalazione fatta da amici su Facebook, questo orribile caso accaduto in Germania! Non ci sono commenti alla bestialità di quest’essere schifoso se non quello di augurargli di addormentarsi sulla “culla di Giuda”

Germania: un mostro in corsia

Arrestato un infermiere che violentava i bambini ricoverati in ospedale

 

Un bambino di 9 anni si trovava nel reparto di terapia intensiva di un ospedale berlinese. Sedato, inconscio, pieno di medicine per lenire le sue sofferenze, una vita aggrappata alle macchine. Uno stato di assoluta debolezza, un sonno apparente che ha acceso le perversioni di un giovane infermiere. Il 27enne che lo curava ha abusato del bambino mentre questi giaceva inerme nel suo letto della rinomata clinica privata Helios di Berlino. Una delle tante violenze compiute, che però ha permesso di smascherare l’orrore.

VIOLENZE BESTIALI – Michael N. è un giovane infermiere che lavora da poco più di un anno nella struttura ospedaliera della capitale tedesca, e ha violentato almeno 5 bambini, di età compresa tra i 5 e 9 anni, mentre questi si trovavano nel reparto di terapia intensiva, dove lui, insieme ad altri colleghi, li curava nella loro degenza. Quando i piccoli si trovavano nel sonno artificiale, l’infermiere Michael N. si avvicinava ai loro letti, e appurata la loro incoscienza, ne abusava sessualmente, riprendendosi con il suo cellulare mentre aveva un rapporto sessuale. La polizia ha scoperto il pedofilo grazie al bambino di nove anni citato ad inizio articolo, che ha subito per almeno tre volte le violenze dell’infermiere, che lo credeva addormentato mentre in realtà il piccolo paziente avvertiva quanto gli stava accadendo. A novembre il bambino ha trovato il coraggio di denunciare quanto subito, e i genitori hanno subito informato le autorità.

CONFESSIONE CON TENTATO SUICIDIO – La polizia ha subito arrestato l’uomo, e ha ritrovato all’interno del suo appartamento il materiale, filmati e foto, che provavano le sue violenze sui piccoli pazienti. Il numero delle vittime è ancora impreciso, ma l’infermiere mostro ha già confessato le sue colpe in una lettera nella quale chiede scusa per i suoi comportamenti. Appena incarcerato il 27enne che proviene dal Brandeburgo ha provato ad uccidersi, tagliandosi le vene e provando ad evirarsi utilizzando un rasoio. Attualmente è stato trasferito in un ospedale dove è controllato costantemente per il pericolo di suicidio.

OSPEDALE DELL’ORRORE – La clinica privata Helios si è dichiarata sconvolta per quanto accaduto, rimarcando come l’uomo non abbia mai dato segnali di pericolo. La struttura ospedaliera ha messo a disposizione, insieme alla polizia berlinese, un numero verde nella quale i genitori delle potenziali vittime possono rivolgere per chiarimenti sul caso ed eventuali consulenze psicologiche. Al momento gli abusi accertati riguardano 5 giovanissimi pazienti, ma i sospetti che possano essere molti di più sono forti. Nel tempo trascorso dall’uomo nell’ospedale 67 degenti tra i 5 e i 10 anni sono stati ricoverati nel reparto di terapia intensiva dove sono avvenuti le violenze sessuali.

LINK ARTICOLO originale


1 Commento

Pedofilia: maestro d’asilo abusa di piccoli innocenti!

Il Giustiziere degli Angeli

Non sappiamo quanti casi accadono negli asili, non sappiamo perchè magari altri passano sotto silenzio o perchè non ci sono denunce e solo vittime e genitori silenziosi che, per paura o per vergogna, spostano i bambini in altri asili sperando che possano dimenticare. Quello che più fà male di questa altra, ennesima, storia di abusi su tanti bambini dell’asilo è che le denunce di alcuni genitori furono ignorate senza approfondire quanto i bambini raccontavano. Ci voleva un giro di pedopornografia internazionale per fermare quest’essere schifoso, per scoprire che abusava dei bambini degli asili per cui lavorava, tra le 30 e le 50 vittime fino a quattro anni di età delle sue perversioni! Accade in Olanda dove questo 27enne è stato arrestato insieme a suo marito e ad una altro uomo che lavorava negli asili. L’orrore di questi abusi è volato oltreoceano e si teme che sia un giro che coinvolge molte altre figure. Non c’è molto altro da dire poichè la cruda realtà sconvolge già per il numero e l’età dei bambini coinvolti se non farsi una sola domanda: ma gli asili sono sicuri per i nostri figli?

“Abusi su decine di bimbi negli asili”. Arrestato un maestro, choc in Olanda. In manette un 27enne di origini lettoni.  Trovato materiale video pedopornografico, la polizia sospetta una rete internazionale

AMSTERDAM  – Avrebbe abusato di decine di bimbi negli asili nido in cui lavorava e nelle case dove veniva ingaggiato come babysitter, attività che pubblicizzava anche via internet. Questo il terribile sospetto che ad Amsterdam ha portato all’arresto di un ventisettenne di origini lettoni. Continua a leggere


Lascia un commento

Controllare un pedofilo in libertà costa troppo!!

Il Giustiziere degli Angeli

Tempo di vacanze, tempo di sole e mare! Ma questo evidentemente non è tempo di riposo per una cronaca dell’orrore che in questi giorni ci ha comunque raccontato di violenze sessuali, di abusi su bambini, di badanti impazzite che picchiano gli anziani a loro affidati, di omicidi di donne e mogli alle prese con uomini impazziti diventati assassini. Intanto io, come tanti, in vacanza non ci vado ma (scioccamente) ho pensato che sotto il sole di Agosto non potesse accadere così tanto “male”. Mi tengo stretta le mie certezze, la mia famiglia, e mi occupo di loro e per loro rendendogli ogni giorno almeno un sorriso. Ma poi vengo qui e leggo e mi si contorce lo stomaco! Questa piattaforma di WordPress ogni giorno mi fornisce delle informazioni circa le visite al mio blog stilando sia una lista degli articoli letti che dei termini di ricerca che qualcuno digita nel web. Questo fa sì che ogni giorno leggo quali sono lo schifo di ricerche che i “soggetti pedofili” fanno. Vi basti sapere che questa notte qualcuno cercava “bambine bionde” e tralascio il resto! Si muovono sul web come serpi striscianti ed io maledico ogni giorno la loro lorda esistenza. Questa mattina hanno arrestato un nigeriano a Vicenza che ha abusato sessualmente di una bambina di 6 anni (LINK articolo Unione Sarda) e (qualche giorno fà) è toccato ad un uomo bellinzonese accusato anch’esso dello stesso reato (LINK articolo Ticinolibero). Nell’appena passato 4 agosto è stata la volta di un padre che costringeva suo figlio di appena 5 anni a subire rapporti orali (LINK articolo Ansa). Appunto non solo mancati assurdi ed efferati omicidi (LINK-1 IlGiornale & LINK-2 Ansa ), violenze sessuali (LINK-3 ResetItalia) e tentate violenze scampate (LINK-4 Ansa).

Intanto apprendo anche che (leggendo CrimeBlog e il TheSun) che in Inghilterra sono alle prese con un problema economico! spendono circa 200mila euro al mese per controllare un pericoloso pedofilo appena uscito dal carcere e l’elevato costo li ha indotti a diradare i controlli…

Anthony Knowles, ha 49anni ed  un record di 34 anni di abuso di giovani: vive vicino tre scuole e un parco! E’ stato in carcere per abusi sessuali su bambini dai 18mesi ai 9 anni ma adesso, seppur con misure restrittive, è libero! Dovrebbe essere rinchiuso per sempre secondo il mio parere soprattutto perchè è un pedofilo recidivo e pericoloso che potrebbe in futuro decidere di abusare di altri bambini ed eliminarli per non dover finire di nuovo dietro le sbarre. Quale può essere una soluzione alternativa? di certo un elenco pubblico, accessibile a tutti, che indichi i pedofili che sono liberi mettendo così in guardia le famiglie da eventuali reali pericoli per i loro piccoli. Basta mettere la testa sotto la sabbia, siano marchiati a vita per quante anime di piccoli angeli hanno ucciso!


Lascia un commento

Omicidio Federica Squarise: nel 2011 l’inizio del processo al suo carnefice.

Il Giustiziere degli Angeli

Era di non molto tempo addietro la notizia che sarebbe potuto accadere di veder liberato l’assassino di Federica Squarise. Dopo le pressioni della famiglia il Giudice spagnolo, Don Josè Sanchez Ruiz, ha deciso di tenere “El Gordo” ancora in carcere per 24 mesi in attesa anche che inizi finalmente il processo contro questo assassino reo-confesso. Intanto gli amici di Federica hanno creato una Onlus in ricordo e che si occupa attivamente anche di violenza alle donne. L’associazione serve anche a reperire i fondi necessari alla famiglia per farsi rappresentare legalmente in Spagna in quanto non è stato loro concesso il gratuito patrocinio. Di seguito l’articolo sull’intervento del Ministero italiano che sollecita un iter più breve per il processo (e la condanna) dove troverete anche i riferimenti per poter contribuire alla raccolta fondi della Onlus in ricordo di Federica Squarise.

Questo invece il SITO: http://www.perfedericaonlus.org/


Federica, si muove il ministero «Chiediamo il processo subito»

Nel secondo anniversario dalla morte si attivano le istituzioni. Casellati: attraverso l’ambasciata stiamo esortando l’accelerazione dell’iter a carico del reo confesso.

Continua a leggere


Lascia un commento

Pedofilia – Un collezzionista di foto pedopornografiche è stato arrestato: ne aveva UNMILIONE!

Il Giustiziere degli Angeli

Un milione di fotografie con immagini pedofile!! Mi piace ogni tanto riguardare Hannibal: uno così può sempre tornare utile!!


Austria. Arrestato uomo con un milione di foto pedopornografiche

Un uomo di 53 anni che ha ”collezionato” oltre un milione di foto pedopornografiche è stato arrestato dalla polizia austriaca, a quanto riferisce The Huffington Post.

L’uomo, di cui non è stato reso noto il nome, ha nascosto il materiale su otto hard drive, un computer, un laptop e svariati DVD, a quanto ha dichiarato l’Ufficio Federale di Investigazioni criminali.

”Questo è il più grande numero di fotografie sequestrate in Austria nel corso di una singola operazione, ha dichiarato il funzionario dell’Ufficio Criminale, Ewaldm Ebner. Stessa cosa vale per il resto dell’Europa.

L’Ufficio ha reso noto che il materiale sequestrato, mostra ragazzi al di sotto di 14 anni e bambini mentre vengono sottoposti a pratice sessuali. Il portavoce dell’Ufficio Criminale ha dichiarato di ritenere che l’uomo ha cominciato a raccogliere le foto otto anni fa.

Le autorità austriache hanno cominciato ad indagare dopo essere stati avvertiti dalla polizia tedesca che ha notato l’indirizzo IP dell’uomo su un sito di pedopornografia specializzato nello scambio di foto.

LINK ARTICOLO originale