Mamma Dolce BLOG

Pedofilia – Abusi – Violenza –


Lascia un commento

Rignano, presunti abusi alla materna Il Pg chiede due condanne e 3 assoluzioni

Immagine

Due condanne e tre assoluzioni: il Pg Giancarlo Amato ha chiesto ai giudici della III Corte d’appello di Roma di riformare così la sentenza di assoluzione in primo grado sulla vicenda dei presunti abusi sessuali denunciati dai genitori dei bambini della scuola materna ‘Olga Rovere’ di Rignano Flaminio. Il rappresentante dell’accusa ha chiesto 7 anni di carcere per la bidella Cristina Lunerti e 6 anni e 10 mesi per la maestra Patrizia Del Meglio (per entrambe rispetto solo a 5 dei 15 bambini coinvolti).
Continua a leggere


Lascia un commento

Rignano: abusi su bimbi, al via processo d’appello a Roma.

20100121_rignano

(AGI) – Roma, 12 dic. – Con la relazione introduttiva del giudice ‘a latere’ ha preso il via davanti alla terza sezione penale della corte d’appello di Roma il processo sui presunti abusi sessuali compiuti su una ventina di bambini della scuola materna ‘Olga Rovere’ di Rignano Flaminio nell’anno scolastico 2005-06. La procura di Tivoli e alcuni legali di parte civile, in rappresentanza dei genitori, si sono rivolti ai giudici d’appello per contestare l’assoluzione, con formula piena, della maestre Marina Pucci, Silvana Magalotti e Patrizia Del Meglio, del marito di quest’ultima Gianfranco Scancarello e della bidella Cristina Lunerti, scagionati il 28 maggio 2012 da accuse che andavano dalla violenza sessuale di gruppo ai maltrattamenti, dal sequestro di persona agli atti osceni con l’aggravante delle sevizie e della crudelta’. Il giudizio di secondo grado entrera’ nel vivo il 29 gennaio prossimo quando il collegio, presieduto da Ernesto Mineo, dovra’ sciogliere la riserva su alcune richieste istruttorie avanzate dalle parti.
Tra tutte, spiccano quelle di sentire in udienza il collegio di periti che, durante la fase delle indagini preliminari, ebbero i colloqui con i venti minori e l’allora consulente della procura che fece l’analisi tricologica sui bimbi individuando sui capelli di un paio di minori la presenza di tracce di benzodiazepine.


Lascia un commento

Asilo di Anfo: uno sconto di pena alla maestra che maltrattava i bambini.

bambini-violenza-maltrattamenti-abusiBrescia, 17 gennaio 2013 – Uno sconto di pena di sei mesi, e la revoca degli arresti domiciliari. Ecco come si è concluso oggi il processo d’appello alla maestra Laura Papa, la 52enne bresciana arrestata a gennaio 2012 con l’accusa di maltrattamenti ai danni di 7 bimbi dell’asilo comunale di Anfo (Brescia). La Corte d’appello, presidente Enrico Fischetti, ha condannato la donna a due anni e due mesi. In primo grado la pena inflitta era stata due anni e otto.

Schiaffi, tirate di capelli, manine pestate con i tacchi, in un caso cibo vomitato fatto ingoiare a forza. Queste le contestazioni mosse da Carabinieri e Procura, che dopo la denuncia di una collega incastrarono la maestra piazzando microcamere in aula. La donna da subito negò le violenze, parlando piuttosto di ‘mano pesante’ in qualche caso utilizzata per correggere l’indisciplinatezza dei piccoli. Per questo la difesa aveva spinto per l’assoluzione o in subordine per la derubricazione del reato in abuso di mezzi di correzione.
(Agi)

UN VECCHIO ARTICOLO:

Brescia, 2 febbraio 2012 – E ora da parte dei genitori dei bimbi dell’asilo di Anfo è il momento della rabbia. Nei confronti della maestra Laura Papa, 52 anni, arrestata venerdì con l’accusa di maltrattamenti ai danni dei piccoli allievi della scuola materna statale del piccolo centro sul lago d’Idro dove lavorava non c’è solo sconcerto. Le famiglie si sentono tradite: «E dire che davanti a noi cantava, ballava, dava bacini ai piccoli», si sfoga la madre di uno degli allievi “vivaci” e per questo nel mirino dell’educatrice.

Lei con altri 11, mamme e papà, ieri pomeriggio erano convocati in Procura. I loro bimbi a detta degli inquirenti sarebbero appunto i più bersagliati dalla mano pesante della maestra, ora ai domiciliari. L’intento era quello di fare chiarezza, fornendo rassicurazioni che mai nell’asilo hanno avuto luogo sevizie. Ma maltrattamenti – schiaffi, trascinamenti per i capelli, cibo ingoiato a forza – sì. Le telecamere nascoste tra le mura scolastiche parlerebbero chiaro. Il gip, Maria Paola Borio, ci crede. Dopo quasi un’ora di faccia a faccia con il pm Ambrogio Cassiani e il maresciallo Massimo Rosina della stazione di Sabbio Chiese (che hanno fatto scattare le manette) la reazione emotiva era palpabile.

All’uscita, lacrime agli occhi e bocche cucite. «Tutti siamo stati toccati nel vivo», è l’unico commento rilasciato a caldo scappando. Ieri è stata una giornata faticosa per queste famiglie. La scuola ha riaperto i battenti, si cerca di tornare alla normalità. Ma dei 16 iscritti, tra malattie e astensioni, in meno di una decina sono tornati in aula. «Ho mandato il mio piccolo piangendo, solo perché spinta da mio marito», confida una madre, ieri appunto in tribunale. L’intento della convocazione da parte degli inquirenti era calmare gli animi. Spiegare che, arrestata la maestra Papa, si può star tranquilli. Il turn over dell’intero personale non ha senso, oltre a esser punitivo nei confronti dell’insegnate che ha denunciato. E se qualcuno è stato complice della 52enne non rimarrà a lungo tra i banchi. Nessun filmato è stato visionato. Ma ripristinare la calma non è semplice.

L’ordinanza con cui il gip Maria Paola Borio ha messo ai domiciliari l’educatrice è un profluvio di accuse, le stesse configurate dall’insegnate che ha assistito e denunciato. Tali da configurare un «uso sistematico e del tutto ingiustificato della violenza». «Laura con i tacchi 12 schiacciava i piedi di un bambino solo perché era senza scarpe e che non parla perché ha problemi». «Ho visto la maestra imboccare all’inverosimile un bimbo tanto che questo dopo aver deglutito vomitava sul piatto e lei come se nulla fosse glielo faceva rimangiare». E ancora: «La maestra tirava per orecchie un bambino tanto da provocargli una piccola lesione». Rimproveri continui («Stupido, non capisci niente, ignorante») sberle in testa e in faccia, teste spinte sul tavolo. Chiusure forzate di oltre un’ora nel bagno, al buio, e intimidazioni («Chi vuol venire in magazzino con me?…»). E poi pizzicotti, strattoni tali da «rendere difficile la respirazione». Minacce, non risparmiate persino alla cuoca (indagata di favoreggimento) la quale al momento dell’arresto si è sentita dire: «Stai attenta a quel che dici».


Lascia un commento

Pedofilia – Sesso con una bambina di 7 anni: in carcere un 46enne

abuso_minori 2Imperia – La figlia della sua ex convivente aveva soltanto 7 anni quando lui cominciò a molestarla sessualmente. Ma l’uomo continuò poi ad abusare di lei per 8 anni, dal 2001 al 2009, quando finalmente la ragazzina trovò il coraggio di raccontare tutto alla madre. In particolare l’uomo costringeva la bambina a guardare con lui dei film pornografici, obbligandola a masturbarlo durante la visione. 

Per questo un imperiese 46enne è stato condannato oggi dal Tribunale di Imperia a 4 anni di carcere per violenza sessuale su minore, oltre a 30.000 € di provvisionale


2 commenti

Abusi asilo Rignano Flaminio: assolti tutti gli imputati.

(AGI) – Roma, 28 mag. – Il tribunale di Tivoli ha assolto con la piu’ ampia delle formule le tre maestre, una bidella e un autore televisivo per le vicenda legata ai presunti abusi sessuali che sarebbero stati compiuti su 21 bambini della scuola materna ‘Olga Rovere’ di Rignano Flaminio nell’anno scolastico 2005-06.

I GIUDICI: IL FATTO NON SUSSISTE

Il collegio, presieduto da Mario Frigenti, dopo oltre 9 ore di camera di consiglio, ha deciso che nei confronti delle maestre Silvana Magalotti, Marisa Pucci, Patrizia Del Meglio, del marito di quest’ultima Gianfranco Scancarello, e della bidella Cristina Lunerti il fatto contestato “non sussiste”.

GENITORI URLANO IN AULA DURANTE LA LETTURA DELLA SENTENZA

Urla in aula contro i giudici da parte dei genitori che si trovavano nel tribunale di Tivoli alla lettura della sentenza.
  I genitori dei bambini, presenti in aula come parti civili, hanno urlato contro i giudici prendendo poi a calci e pugni la porta dell’aula. “Siamo molto amareggiati per questa sentenza, perche’ significa che i giudici non hanno dato credito alla vicenda. Leggeremo le motivazioni. I giudici si sono presi 90 giorni di tempo. Certo non ci fermeremo qui”.


2 commenti

Abusi all’Asilo di Rignano Flaminio: chiesti 12 anni di reclusione per ogni imputato!!

Dodici anni di reclusione per ciascuno dei cinque imputati nel processo per i presunti abusi su almeno 21 bambini della scuola ‘Olga Rovere’ di Rignano Flaminio. È la richiesta del pm Marco Mansi nella requisitoria del processo che vede imputati le maestre Marisa Pucci, Silvana Magalotti e Patrizia Del Meglio, l’autore tv Gianfranco Scancarello (marito della Del Meglio) e la bidella Cristina Lunerti.

A vario titolo e a seconda delle posizioni, gli imputati sono accusati di violenza sessuale di gruppo, maltrattamenti, corruzione di minore, sequestro di persona, atti osceni, sottrazione di persona incapace, turpiloquio e atti contrari alla pubblica decenza. Il pm Mansi, nel sollecitare la condanna dei cinque imputati, ha chiesto anche la trasmissione degli atti per procedere contro altre due maestre, contro un testimone e anche contro Kelum De Silva Weramuni, il benzinaio cingalese la cui posizione era stata archiviata nel corso delle indagini. Il rappresentante della pubblica accusa ha ricostruito tutti i passaggi dell’inchiesta che ha portato all’odierno processo, focalizzando anche e soprattutto la sua attenzione sui contenuti dell’attività tecnica che i medici hanno compiuto su alcuni dei bambini nel corso del lungo incidente probatorio per acquisire agli atti processuali le testimonianze dei piccoli.

«Ci sono i racconti dei bambini, agghiaccianti, le perizie, e i riscontri sui luoghi dove sono stati portati», ha detto nella sua requisitoria il pm Mansi. «La responsabilità degli imputati è provata. Sono loro gli orchi cattivissimi indicati dai piccoli. Vanno condannati».

Il pm nei giorni aveva calato anche quello che riteneva il suo ultimo asso (in un primo tempo scartato in aula per un presunto vizio di forma): l’audizione in cui il professor Marcello Chiarotti – docente alla Cattolica e responsabile del Laboratorio di Tossicologia Forense dell’università, uno dei massimi esperti nel campo delle analisi tricologiche – ha ricostruito che, a distanza di tempo, sui capelli di due bambini sono state trovate tracce di benzodiazepine, annoverate proprio da Chiarotti tra le “rape drugs” cioè droghe da stupro.

«Le richieste di condanna erano scontate. E ci consolano, la nostra battaglia ha portato a un primo risultato», ha detto la mamma di uno dei piccoli «Perché i bambini conoscevano le abitazioni degli imputati? Tanti oggetti tenuti in casa e addirittura particolari fisici che sono stati riscontrati? Ed ancora: perché i bambini hanno descritto una palestra che per stessa ammissione delle insegnanti era chiusa a chiave? Perché hanno disegnato e raccontato di una scala a chiocciola? Ed i camminamenti che portano all’uscita sul retro della scuola… Di quella uscita e della palestra non sapevamo nulla neppure noi genitori. Altro che psicosi collettiva».

Si tornerà in aula il 16 e il 23 aprile con la parola alle parti civili. Dal 30, in poi, parleranno i difensori degli imputati. 


2 commenti

Abusi all’Asilo di Rignano Flaminio: chiesti 12 anni di reclusione per ogni imputato!!

Dodici anni di reclusione per ciascuno dei cinque imputati nel processo per i presunti abusi su almeno 21 bambini della scuola ‘Olga Rovere’ di Rignano Flaminio. È la richiesta del pm Marco Mansi nella requisitoria del processo che vede imputati le maestre Marisa Pucci, Silvana Magalotti e Patrizia Del Meglio, l’autore tv Gianfranco Scancarello (marito della Del meglio) e la bidella Cristina Lunerti.

A vario titolo e a seconda delle posizioni, gli imputati sono accusati di violenza sessuale di gruppo, maltrattamenti, corruzione di minore, sequestro di persona, atti osceni, sottrazione di persona incapace, turpiloquio e atti contrari alla pubblica decenza. Il pm Mansi, nel sollecitare la condanna dei cinque imputati, ha chiesto anche la trasmissione degli atti per procedere contro altre due maestre, contro un testimone e anche contro Kelum De Silva Weramuni, il benzinaio cingalese la cui posizione era stata archiviata nel corso delle indagini. Il rappresentante della pubblica accusa ha ricostruito tutti i passaggi dell’inchiesta che ha portato all’odierno processo, focalizzando anche e soprattutto la sua attenzione sui contenuti dell’attività tecnica che i medici hanno compiuto su alcuni dei bambini nel corso del lungo incidente probatorio per acquisire agli atti processuali le testimonianze dei piccoli. Continua a leggere