Mamma Dolce BLOG

Pedofilia – Abusi – Violenza –


Lascia un commento

Abusi Asilo Abba di Brescia: confermata condanna al bidello.

bambini-violenza-maltrattamenti-abusi

Abusi all’Abba, una nuova condanna. Tredici anni al bidello accusato di aver abusato di alcuni bimbi.

«Un calvario. Un calvario senza fine». I familiari del bidello bresciano condannato ieri in appello a Milano a tredici anni per abusi su alcuni bambini della scuola materna comunale Abba non trovano un’altra espressione per descrivere gli ultimi undici anni della loro vita. E non accettano il verdetto di ieri, perché speravano che il loro calvario potesse finalmente finire, speravano che il loro caro potesse riprendere una vita normale, dopo una lunga detenzione, gli arresti domiciliari e anche un arresto per evasione.

Perché quando nel 2202 la polizia portò il bidello in prigione, con l’accusa di aver toccato e abusato, nascondendosi in alcuni locali dell’asilo, alcuni bambini della scuola dove faceva il custode, la moglie, la figlia e i fratelli accusarono il colpo, ma non dubitarono mai. «È innocente» hanno sempre sostenuto i familiari del bidello. Lo fecero anche pubblicamente, contestando punto su punto le accuse che venivano mosse dalla procura. «Dicono di aver trovato materiale pedopornografico in acsa ? lo difese la moglie ? ma si trattava di una cassetta sul kamasutra allegata in una rivista per famiglie, nulla di pornografico, nè tanto meno di pedofilo».

E anche ieri i familiari non hanno vacillato, ma la condanna inflitta dai giudici milanesi riporta il processo indietro di otto anni, quando venne condannato in appello la prima volta. Fa ripiombare a quel freddo dicembre del 2004 quando i giudici della prima sezione penale di Brescia (era presidente allora Enrico Fischetti) condannarono il bidello a 15 anni di reclusione. E con lui il verdetto colpì anche un’altra bidella. Poi il primo processo in appello e lo sconto di due anni: tredici anni di pena.La stessa di ieri, otto anni dopo e dopo due processi d’appello terminati con l’assoluzione «perchè il fatto non sussiste», scrissero i giudici nel giugno del 2011, ma rispediti al «mittente» dalla Cassazione.

E il 19 giugno scorso l’accusa ha chiesto ai giudici milanesi una condanna a tredici anni per il bidello difeso dagli avvocati Patrizia Scalvi, Maria Grazia Lanzanova e Guglielmo Gulotta. Ieri, dopo tre ore di camera di consiglio, i giudici hanno accolto la richiesta del procuratore gerale: 13 anni. Fra 90 giorni le motivazioni. E un nuovo ricorso in appello. Il calvario continua. Sia per l’imputato che per le presunte vittime.

Fonte: Il Corriere

Annunci


Lascia un commento

Maestra condannata: legava i bambini con lo scotch.

asilo 1

Con l’accusa di aver utilizzato del nastro adesivo per pacchi per immobilizzare i bambini nella scuola materna ‘Maurizio Poggiali’ di Roma una maestra, Maria Teresa Carrarini, è stata condannata a due anni e due mesi. Una delle mamme: “Finalmente è stata fatta giustizia” 

Roma, 9 luglio 2013 – Con l’accusa di aver utilizzato del nastro adesivo per pacchi per immobilizzare ibambini nella scuola materna ‘Maurizio Poggiali’ di Roma una maestra, Maria Teresa Carrarini, è stata condannata a due anni e due mesi di reclusione dal giudice monocratico di Roma. L’accusa aveva chiesto una condanna piu’ pesante, a due anni e otto mesi di reclusione. Alla maestra si contestano episodi di maltrattamenti ai danni di nove bambini, mentre per altri tre casi il tribunale ha assolto con la formula ‘il fatto non sussiste’.

I fatti risalgono al 2006 quando emersero gli episodi di maltrattamento nei confronti dei bambini con una serie di esposti presentati dai genitori, il primo dell’associazione telefono azzurro. I bambini avevano raccontato a casa le punizioni subite dalla maestra che utilizzava lo scotch per immobilizzarli. In alcuni casi i genitori avevano notato arrossamenti sulla pelle dei piccoli. Il Nastro adesivo era stato poi rinvenuto, in gran quantita’, dagli investigatori nella casa della maestra e in un armadietto della scuola. La maestra Carrarini, difesa dall’avvocato Alessandro Vannucci, ha sempre respinto le accuse e non era presente in aula al momento della sentenza.

Grande soddisfazione per la sentenza di condanna è stata espressa dai legali di parte civile e da alcuni genitori delle vittime di maltrattamenti. Il giudice monocratico ha condannato la maestra Carrarini arisarcire il danno subito alle vittime che sarà quantificato successivamente in sede civile. “Finalmente è stata fatta giustizia – ha commentato una delle mamme presenti in aula – per noi è una grande emozione. speriamo che queste cose non accadano più ad altri bambini. Le istituzioni alle quali ci siamo rivolti ci hanno dato ragione”. “E’ stato un processo lungo e faticoso – ha detto uno dei legali di parte civile, l’avvocato Fabio Vetrella – sia dal punto di vista giuridico che emotivo. Oggi i bambini stanno bene, sono stati assistiti dalle famiglie e hanno avuto un supporto psicologico, pero’ quando passano davanti alla ‘Poggiali’ dicono ancora che ‘quella e’ la scuola brutta’”.