Mamma Dolce BLOG

Pedofilia – Abusi – Violenza –

Rignano Flaminio: riparte da zero il processo per abusi sui bambini dell’asilo.

1 Commento

Il Giustiziere degli Angeli

La notizia è stata battuta da molte agenzie pochi minuti fa: riparte da zero il processo a Tivoli per gli abusi su 19 bambini dell’Asilo Olga Rovere dell’anno scolastico 2005/2006. Poche settimane fa ci giungeva notizia (LINK) del fatto che una componente del collegio giudicante (Marzia Minutillo Turtur) è stata richiamata dal CSM per un “importante e delicatissimo” incarico: partecipare come membro esaminatore al concorso in magistratura! Gli avvocati che difendono gli indagati oggi potevano comunque dirsi “disposti ad utilizzare e salvare quanto fino ad ora fatto in udienza”….invece gli avvocati Franco Coppi e Roberto Borgogno (difensori dei coniugi Scancarello) hanno detto NO: ricominciamo da capo facendo di nuovo testimoniare le famiglie dei piccoli! Stranamente gli altri avvocati degli indagati non sono d’accordo con lo Studio Coppi e vorrebbero invece procedere celermente verso la fine del processo. Dico “stranamente” in quanto, generalmente, in questo tipo di processi in cui gli accusati sono più d’uno, gli avvocati difensori tendono ad adottare la stessa strategia. Socialmente certo la posizione degli Scancarello è ben diversa da quella degli altri: loro si sono trasferiti immediatamente a Roma e non vivono più nel paese dei “Guelfi e Ghibellini” dove la divisione tra innocentisti e colpevolisti pesa invece sul quotidiano delle altre maestre! I genitori dei bambini che erano in attesa della decisione di oggi davanti al Tribunale, intanto dichiaravano di prevedere (nel caso in cui si stabilisse di riiniziare da capo il processo) un sit-in di protesta permanente davanti a Palazzo dei Marescialli, sede del CSM. Appoggio la loro protesta ma non mi faccio illusioni: questa è l’Italia che abbiamo contribuito a fare anche noi e dove le proteste dei cittadini sono solo un fastidioso rumore!

 

Rignano/ Divergenze tra le difese ma processo parte da zero

Il processo in corso a Tivoli, per gli abusi sessuali compiuti sui 19 bimbi che nell’anno scolastico 2005-06 frequentarono la scuola materna ‘Olga Rovere’ di Rignano Flaminio, ripartira’ da zero. La circostanza era nota da diverse settimane ma oggi il tribunale ha comunicato ufficialmente alle parti che il collegio e’ precario da quando il giudice Marzia Minutillo Turtur e’ stato messo fuori ruolo dal Csm per poter seguire i lavori della commissione di esame al concorso in magistratura. Preso atto del problema, tutti gli avvocati delle parti in causa si sono detti disposti a utilizzare (e a salvare) quanto fatto finora in udienza, ad eccezione di Roberto Borgogno che, assieme a Franco Coppi, difende i coniugi Patrizia Del Meglio (maestra) e Gianfranco Scancarello (autore televisivo). Per Borgogno, data la delicatezza e la complessita’ della materia che ha praticamente diviso a meta’ un paese tra innocentisti e colpevolisti, e’ doveroso che il nuovo giudice ascolti ‘dal vivo’ quanto hanno sinora raccontato nelle varie udienze a porte chiuse i genitori dei bimbi coinvolti nelle presunte violenze. Quella di oggi, di fatto, segna la prima, vera, divergenza tra gli avvocati delle difese da quando ha preso il via l’inchiesta. L’auspicio del presidente Mario Frigenti e’ che, entro il 13 luglio, data della prossima udienza, un nuovo magistrato possa essere assegnato dal Csm cosi’ da poter formulare un nuovo calendario e formalizzare la rinnovazione dibattimentale attraverso una nuova convocazione dei genitori fin qui ascoltati. Contrariamente alle previsioni piu’ nere della vigilia, il mancato consenso dell’avvocato Borgogno fara’ slittare di pochi mesi il processo che era cominciato nel settembre dello scorso anno. Oltre ai coniugi Scancarello-Del Meglio sono sul banco degli imputati anche le maestre Marisa Pucci, Silvana Magalotti e la bidella Cristina Lunerti. Violenza sessuale di gruppo, maltrattamenti, corruzione di minore, sequestro di persona, atti osceni, sottrazione di persona incapace, turpiloquio e atti contrari alla pubblica decenza, sono i reati contestati a seconda delle singole posizioni processuali.

(LINK)

Annunci

One thought on “Rignano Flaminio: riparte da zero il processo per abusi sui bambini dell’asilo.

  1. Rignano, pratica urgente del Csm
    per evitare azzeramento del processo
    Il Consiglio superiore della magistratura ha chiesto di richiamare in ruolo il giudice del caso sui presunti abusi alla materna Olga Rovere: «Scongiurare annullamento»
    ROMA – L’Ufficio di presidenza del Consiglio superiore della magistratura ha chiesto martedì l’apertura di una pratica urgente in nona commissione per richiamare in ruolo il giudice Marzia Minutillo Turtur e scongiurare l’azzeramento del processo, in corso a Tivoli, sui presunti abusi sui bambini della scuola Olga Rovere di Rignano Flaminio. Lo si è appreso da fonti di Palazzo dei Marescialli. Il giudice era stato collocato fuori ruolo per partecipare, come membro esaminatore, al concorso per l’accesso in magistratura.
    LE PROTESTE DEI GENITORI – La notizia del collocamento fuori ruolo, deciso dal Csm, si era diffusa a metà giugno e aveva provocato le proteste dei genitori dei bambini sui quali sarebbero avvenuti i presunti abusi. I difensori di due dei cinque imputati, la maestra Patrizia Del Meglio e il marito, l’autore tv Gianfranco Scancarello, avevano detto «no» all’utilizzazione delle deposizioni finora raccolte davanti al nuovo collegio che doveva insediarsi in seguito alla fuoriuscita di Minutillo Turtur. I testimoni finora sentiti, prima della marcia indietro del Csm, avrebbero dovuto essere nuovamente convocati.

    L’asilo di Rignano Flaminio (Ansa) «GIUDICE TORNI AL SUO PROCESSO» – «Quando ci siamo resi conto che per il caso di Rignano il processo rischiava di ricominciare daccapo, il Comitato di presidenza del Csm ha chiesto alla Commissione di restituire questo magistrato al suo processo». Lo ha sottolineato al Tg1 il vicepresidente del Csm, Michele Vietti. «Purtroppo è oggettivamente molto difficile avere preventivamente il quadro delle pendenze dei processi di ogni magistrato, della loro qualità e quantita», ha aggiunto Vietti.
    NUOVA UDIENZA IL 13 LUGLIO -Il presidente del Tribunale Mario Frigenti, intanto, ha fissato un’altra udienza per il 13 luglio per stabilire il calendario dei lavori del nuovo collegio giudicante. Ma adesso è assai probabile che il collegio giudicante possa tornare alla sua formazione originale senza creare contraccolpi. Il plenum del Csm prenderà presto la decisione chiesta dall’Ufficio di presidenza, forse mercoledì stesso. Sotto processo, ci sono anche le maestre Marisa Pucci e Silvana Magalotti e la bidella Cristina Lunerti. A vario titolo e a seconda delle posizioni sono accusati di violenza sessuale di gruppo, maltrattamenti, corruzione di minore, sequestro di persona, atti osceni, sottrazione di persona. Il processo sui presunti abusi di Rignano non riguarda persone in stato di detenzione, e dunque, se ripartisse da zero non avrebbe alcuna corsia preferenziale. (fonte Ansa)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...