Mamma Dolce BLOG

Pedofilia – Abusi – Violenza –

Morte del piccolo Alessandro: 26 anni per Rasero!

5 commenti

Il Giustiziere degli Angeli

“….. Alessandro, 8 mesi, deve avere gridato forte quando gli hanno spento le sigarette sull’inguine e sulle orecchie, l’hanno pizzicato al collo fino a fargli venire i lividi. E quando è stato sbattuto contro il muro fino a rompergli la testa…..”

Articolo Marzo 2010 – Articolo Blog


GENOVA – Giovanni Antonio Rasero non era solo. Insieme a lui, la notte dell’omicidio di Alessandro Mathas, 8 mesi appena, c’era anche Katerina, la madre del piccolo. Lo ha stabilito la Corte d’Assise di Genova che, stravolgendo l’impianto dell’accusa, ha condannato il broker genovese a 26 anni di reclusione, ma ha anche disposto la trasmissione degli atti processuali alla Procura perché riapra il fascicolo nei confronti della giovane e bella greca.

La sentenza è arrivata dopo oltre otto ore di Camera di consiglio. I giudici della giuria popolare hanno escluso le aggravanti dei futili motivi, delle sevizie e delle crudeltà, mantenendo invece quella della minorata difesa. Niente ergastolo quindi, come invece aveva chiesto il pm. Un motivo tecnico, quello che ha spinto i giudici a non infliggere le aggravanti all’agente marittimo, per ragioni connesse all’imputabilità: quella folle notte dello scorso 15 marzo, Rasero era sotto l’effetto della cocaina. Alla lettura del dispositivo, la madre dell’imputato, Pierina Cossu, ha avuto un malore. «Mio Dio perchè ci hai abbandonati?», ha detto dopo essersi ripresa. «Ha fatto tutto lei, è lei l’unica colpevole. Mio figlio è innocente, la colpa è sua», ha aggiunto accusando dell’omicidio Katerina Mathas. «Mercoledì andrò a trovare mio figlio in carcere. L’unica cosa che gli diremo – ha proseguito – è che siamo disperati». «L’impostazione del pm è stata fatta a pezzi, anche se la sentenza non ci soddisfa», ha detto l’avvocato Andrea Vernazza, uno dei legali della difesa. «Adesso, però, si aprono orizzonti processuali non da poco: sentiamo le motivazioni e vediamo cosa succederà». «È stato stravolto l’impianto del pm, ma soprattutto della squadra mobile di Genova», ha aggiunto l’altro difensore, Romano Raimondo. «I giudici hanno stabilito – ha sottolineato – che la Mathas c’entra con l’omicidio. Le cose adesso sono molto cambiate.

Adesso anche il pm avrà dei problemi». Alla lettura della sentenza, Katerina era fuori dall’aula e, quando i suoi legali le hanno riferito la decisione dei giudici, è scappata via in lacrime, sostenuta da qualche amico. Soddisfatto, invece, Stefano Bigliazzi, uno degli avvocati di parte civile, le cui richieste di risarcimento sono però state respinte dalla Corte d’Assise: «A noi basta la condanna – ha commentato – anche perchè ci interessava più il risarcimento morale che i soldi. Leggeremo le motivazioni per capire le ragioni della Corte». Il piccolo Alessandro era stato ucciso la notte del 15 marzo, in un lussuoso residence di Nervi, dove abitava Rasero. Sul corpicino del bimbo, oltre ai colpi sul cranio, erano stati trovati anche i segni di un morso sul piedino e di alcune bruciature di sigarette. Secondo il pm, quelli erano i segni di torture inflitte al bambino mentre agonizzava. In un primo momento, erano finiti in carcere sia Rasero che la Mathas. Ma dopo 17 giorni, il sostituto procuratore aveva cambiato rotta, scarcerando la ragazza. Per l’accusa, l’unico colpevole era Rasero, che in preda alla rabbia per la mancanza di cocaina si era accanito sul bimbo, mentre la madre era fuori per cercare altra droga. La Mathas era stata scarcerata e indagata per abbandono di minore con morte conseguente. Ma adesso lo scenario nei suoi confronti potrebbe cambiare.

LINK ARTICOLO

Advertisements

5 thoughts on “Morte del piccolo Alessandro: 26 anni per Rasero!

  1. Come si fa a infierire in quel modo su un bimbo di 8 mesi!
    È la prima volta che leggo di questo caso. Allibisco. E pensare che la cocaina, dicono, va a fiumi…

  2. BENE! E adesso tocca a quella bastarda della madre se così possiamo chiamarla… madre intendo!

  3. Alcuni invocano torture e morte per chi ha ucciso il piccolo Alessandro. Alcuni chiedono di non inneggiare ad altra violenza per non porsi allo stesso livello di simili bestie. Non riesco ad essere in disaccordo con nessuno! Il dolore che viene causato da queste morti di piccoli angeli, la crudeltà infertagli in vita per ore e giorni, la crudeltà della morte (se non ricordo male il piccolo Alessandro ha agonizzato per parecchio tempo)… tutto questo scatena la voglia di giustizia altrettanto feroce anche in chi non farebbe mai male ad una mosca. Trovare un equilibrio è un’impresa titanica quando si prova ad immaginare solo per un attimo ciò che ha passato questo bambino! Dio, sono certa, avrà l’ultimo giudizio ma gli uomini in terra non devono fare sconti: fine pena MAI.

  4. perchè ci ostiniamo a non capire che costoro di cui non oso pronunciare il nome per raccapriccio, costoro dico non son che l’espressione del sociale che noi stessi abbiamo promosso per decenni? promosso per eccesso o per difetto, nel senso di chi ha cavalcato il disonore per godere dei privilegi del potere pubblico, o di chi non l’ha voluto intendere per godere di un falso onore provato, altresì chiamato viltà o qualunquismo? come sono stati educati i bambini degli anni ottanta? Novanta? A televisione in ogni stanza sempre accesa qualunque il programma, merendine del mulino bianco, esempi indecenti di famiglie disintegrate, motorini a 13 anni, cellulari, vizi di ogni tipo, abiti costosi, vuoto pneumatico mentale, egoismo becero, uscite fino a ore indecenti a partire dai 12 anni, privi del controllo sia nella scuola, nelle amicizie, nella morale. Inascoltati, abbandonati a una corruzione morale senza precedenti! Del risultato signori non è colpevole il premier corrotto o i più corrotti ministri della seconda repubblica, di questo siamo i colpevoli noi genitori corrotti! Incapaci di autorevolezza, incapaci di pronunciare il NO che salva! perchè impegnati a fare soldi e non solo! Punto e basta!
    Così che l’invocazione della pena massima o la pena di morte o che so io contro questi due degni rappresentanti del degrado intellettuale collettivo, umano spirituale e morale di una intera società ricade anche su chi li ha instradati al vuoto di ogni pietà e compassione! in carcere dovrebbe andare la società al completo

  5. Ora ti auguro di impazzire madre di schifo, di non trovare un solo attimo di pace fino al tuo ultimo respiro!
    Ci sono donne che vorrebbero tanto poter amare un bambino e tu hai offeso, oltraggiato, disprezzato il bene più prezioso che esiste al mondo: un bambino, il suo sorriso, la sua innocenza!
    Brucia all’inferno!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...