Mamma Dolce BLOG

Pedofilia – Abusi – Violenza –

Ergastolo ai pedofili seriali Charles O’Neill e William Lauchlan per l’assassinio di una donna!

1 Commento

Il Giustiziere degli Angeli

Si è appena concluso in Italia il processo di primo grado per “abusi sessuali su minori” a carico dell’educatore teatrale Pino La Monica: condanna a 9 anni e 9 mesi. Ma, per una condanna all’ergastolo di due pedofili recidivi ci voleva la morte di una giovane madre!! Dal non lontano Glasgow ci giunge notizia della condanna all’ergastolo di Charles O’Neill e di William Lauchlan (suo compagno!) per l’omicidio di una donna, Allison McGarrigle.


L’omicidio, già di per se orribile, di questa giovane madre si lega al crimine della pedofilia in un modo ancor più schifoso e la condanna ha tenuto conto anche di violenza su due bambini di 6 e 14 anni! La donna scoprì che i due compagni avevano ripetutamente abusato di suo figlio e li minacciò di denunciarli: in risposta la strangolarono e la gettarono in mare ed il corpo non fu più ritrovato. La donna non sapeva che i due pedofili erano recidivi e che avevano già scontato (pochi) anni di carcere per il reato di abusi sessuali sui minori.

Ma un’altra madre (Falkirk) che aveva conosciuto i due e che si stava fidando lasciandogli il proprio figlio di 6 anni durante le sue assenze, è venuta a conoscenza tramite il quotidiano Daily Record del loro passato e si è rivolta alla polizia. I due riempivano di regali il bambino per conquistarne la fiducia per poi arrivare alla violenza: questo piccolo è salvo! Risale almeno al primi anni 1990 la loro carriera di abusatori di bambini ed adolescenti. Nel 1998, sono stati condannati per aggressione sessaule e reati di droga. O’Neill, un ex pugile professionista, è stato condannato a otto anni di carcere e Lauchlan a sei per reati risalenti al 1993. L’Alta Corte di Glasgow ha ascoltato i racconti di bambini, di età compresa tra nove e 15, che furono attirati da i due orchi in una casa in Skelmorlie, Ayrshire, dove li hanno riempiti di droga e alcool e poi molestati. Nel 2002, sono stati rilasciati ma non passò molto tempo prima che i pervertiti stavano violando le loro parole, che proibiva loro di avvicinarsi ai ragazzi under 17.

L’anno seguente, O’Neill prese di mira un ragazzo di 14 anni, a Irvine, dopo aver conquistato l’amicizia con la famiglia. E una volta che si era guadagnato la loro fiducia ha drogato l’adolescente ignaro e ne ha abusato sessualmente.

O’Neill e Lauchlan, nella primavera del 2004, hanno rapito un ragazzo di 15 anni inglese dopo aver stretto amicizia con la famiglia in un bar karaoke e ne abusarono per tre giorni.

Nel 2006 le bestie hanno lasciato il paese in cerca di nuove vittime. Essi sono stati collegati anche alla scomparsa irrisolta di Yeremi Vargas, sette anni, dall’isola di Gran Canaria, dove avevano una ditta di pulizie. Quando le bestie ritornano nel Regno Unito nel novembre 2007, misero su casa a Blackpool e sono stati registrati dalla polizia come condannati di reati sessuali. Ma quando è emerso che avevano omesso di dichiarare che avevano un furgone, un campanello d’allarme ha iniziato a squillare. Alla Lancashire Police erano così preoccupati che hanno messo in moto un’operazione di sorveglianza 24h.

Hanno anche avuto il permesso di installare una telecamera nascosta nel loro furgone ed hanno compilato una cronologia dei movimenti delle due bestie in Scozia, Inghilterra ed Europa.Questo lavoro e riportato alla luce i terribili abusi di una teenager inglese in Spagna: le autorità spagnole hanno dato il via libera per gli uomini di essere giudicati in un tribunale scozzese. Soprattutto, l’inchiesta ha portato anche nuovi indizi per l’omicidio di Allison, a causa di certe dichiarazioni circa la sua morte.

E ‘emerso inoltre in tribunale che la coppia aveva programmato di acquistare un camper e prendere la madre e il bambino Falkirk in Spagna. I mostri aveva anche convinto la donna ad accettare di diventare una madre surrogata e dare loro un bambino: inutile pensare a quale scopo!

Se la polizia non avesse intercettato quanto hanno fatto, ci sono tutte le possibilità che avrebbero lasciato il paese con il ragazzo e sua madre, mettendo il bambino in grave pericolo.

Gli stessi predatori schifosi potrebbero anche essere collegati alla scomparsa di Madeleine McCann in quanto pare fossero in Portogallo in quei giorni ma per ora non rispondono alle domande sul caso.

Alla domanda se ci sono dei casi in sospeso legati ad O’Neill e Lauchlan, il Detective Sovrintendente Capo John Mitchell ha dichiarato: “Non c’è nulla che io possa dire di particolare. Ma a questo punto, chi lo sa?

Sono dei predatori pedofili molto molto pericolosi”.

Complici nella vita e nel crimine – Charles incontrò William Lauchlan quando è tornato in Scozia, dopo un travagliato soggiorno in Australia. O’Neill emigrato con la famiglia quando aveva due anni è cresciuto a Sydney e Perth. Ma la sua infanzia è stata segnata da abusi sessuali per mano dei propri parenti. Durante la sua adolescenza, è stato arrestato per rapina a mano armata.

Nel 1986 ha attaccato una guardia carceraria e ha lasciato l’uomo in stato vegetativo permanente. Giunto all’età adulta fuggi e ritornò in Scozia stabilendosi nella stessa strada dove viveva la famiglia Lauchlan. In poco tempo, fece amicizia con Lauchlan, che era 14 anni più giovane di lui ed il rapporto si è trasformato progressivamente in una storia d’amore.

PREDATORI PEDOFILI ASSASSINI CHE DEVONO RIMANERE IN CARCERE FINCHE’ MORTE NON CI SEPARI DA LORO PER L’ETERNITA’.

Annunci

One thought on “Ergastolo ai pedofili seriali Charles O’Neill e William Lauchlan per l’assassinio di una donna!

  1. Continuo a credere che sia lecito rendere pubblici i volti e le pene di tutti coloro che si macchiano di tali crimini.
    Dobbiamo sapere chi abbiamo accanto! Non possiamo organizzare una raccolta firme o qualcosa del genere?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...