Mamma Dolce BLOG

Pedofilia – Abusi – Violenza –

Bambini a scuola senza pranzo: nell’italia delle regole solo pane e acqua!

Lascia un commento

Il Giustiziere degli Angeli


Poco tempo fà, in piena campagna elettorale, si legge di una scuola materna (Montecchio Maggiore di Vicenza) dove ai bambini i cui genitori non avevano pagato la retta della mensa, viene dato per pranzo un panino ed una bottiglietta d’acqua! Pochi giorni orsono un caso uguale parte da Adro (Brescia) dove invece i bambini “morosi” vengono spediti per il pranzo a casa. Sono quaranta bambini misti tra italiani e non. Il sindaco Oscar Lancini (fiero di essere leghista)  non sente ragioni: o si paga la retta o niente mensa! sono le regole. Ma quali regole esistono che vogliono umiliare dei bambini già magari meno fortunati perchè non nati nell’agiatezza delle famiglie “bene” di Adro?  A me non interessa inerpicarmi nei discorsi delle “regole” quando si parla di bambini che, di certo, trovano nel pranzo a scuola anche un momento di socializzazione di estrema importanza per la loro crescita.

Ed ecco che c’è invece una persona che arriva in aiuto a questi bambini e salda tutti gli arretrati delle famiglie con la mensa scolastica. L’anonimo benefattore scrive una lettera dove dice: Sono figlio di un mezzadro che non aveva soldi, ma un infinito patrimonio di dignità. Ho vissuto i miei primi anni di vita in una cascina come quella del film L’albero degli zoccoli. Ho studiato molto e oggi ho ancora intatto tutto il patrimonio di dignità e inoltre ho guadagnato i soldi per vivere bene. E’ per questi motivi che ho deciso di rilevare il debito dei genitori di Adro che non pagano la mensa scolastica. Ho sempre la preoccupazione di essere come quei signori che seduti in un bel ristorante se la prendono con gli extracomunitari. Peccato che la loro Mercedes sia appena stata lavata da un albanese e il cibo cucinato da un egiziano. Dimenticavo, la mamma è a casa assistita da una signora dell’Ucraina. Si sono dimenticati in poco tempo da dove vengono. Mi vergogno che proprio il mio paese sia paladino di questo spostare l’asticella dell’intolleranza di un passo all’anno, prima con la taglia, poi con il rifiuto del sostegno regionale, poi con la mensa dei bambini, ma potrei portare molti altri casi. Ma dove sono i miei sacerdoti? Sono forse disponibili a barattare la difesa del crocifisso con qualche etto di razzismo?. Ma dov’è il segretario del partito per cui ho votato e che si vuole chiamare Partito dell’ amore?. Ma dove sono i leader di quella Lega che vuole candidarsi a guidare l’Italia? Ma dove sono i consiglieri e gli assessori di Adro? Che ci diano le dichiarazioni dei redditi loro e delle loro famiglie negli ultimi dieci anni. Non vorrei che il loro reddito (o tenore di vita) venga dalle tasse del papà di uno di questi bambini che lavora in fonderia per 1.200 euro al mese (regolari). Voglio urlare che io non ci sto. E per non urlare e basta ho deciso di fare un gesto che vorrà dire poco, ma vuole tentare di svegliare la coscienza dei miei compaesani. Quando i genitori potranno pagare, i soldi verranno versati in modo normale. Se non potranno o vorranno pagare, il costo della mensa residuo resterà a mio totale carico. I 40 bambini che hanno ricevuto la lettera di sospensione servizio mensa, fra 20/30 anni vivranno nel nostro paese. L’età gioca a loro favore. Saranno quelli che ci verranno a cambiare il pannolone alla casa di riposo. Ma quel giorno siamo sicuri che si saranno dimenticati di oggi? E se non ce lo volessero più cambiare? Non ditemi che verranno i nostri figli perché il senso di solidarietà glielo stiamo insegnando noi adesso.

Ma che possiamo pensare che la cosa si è risolta? No no! Oggi le novità sul “caso mensa della scuola di Adro” vengono partorite da alcuni cittadini indignati per quanto questo anonimo ha fatto per i bambini! Hanno portato in strada davanti alla scuola uno striscione con scritto “Mangiapane a tradimento”. Che schifo! Ma non contenti hanno anche dichiarato che se l’anonimo ha pagato per i “morosi” deve pagare anche per chi la retta l’ha pagata regolarmente! Forse i “mangiapane a tradimento” sono proprio loro che con le tasche piene e la pancia sazia calpestano la dignità dei bambini: anche dei loro!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...