Mamma Dolce BLOG

Pedofilia – Abusi – Violenza –

Asilo Cento: la maestra umilia il bambino denudandolo in classe!

Lascia un commento

Il Giustiziere degli Angeli

Dai, divertiamoci con queste notizie! siamo noi genitori fobici che guardiamo con sfiducia verso l’istituzione scuola. Lì, solo lì, i nostri figli imparano quanto sono belli i metodi nazisti patiti da tanti durante la guerra. Lì, nella scuola, sin da quella dell’infanzia imparano il sapore dell’umiliazione, delle percosse, degli abusi. Dovremmo essere felici di vedere che i nostri bambini crescono nella durezza della vita, mangiando anche pane e acqua come accaduto pochi giorni fà.

L’avevo già scritto tempo fa che la scuola è impazzita ed ogni giorno se ne ha conferma. Scrivo nel titolo “Asilo Cento” ma si potrebbe scrivere “Asilo Milionesimo” in cui i bambini vengono trattati come oggetti senza valore e dignità. Mi scapperebbe l’ennesimo @[0=* ulo ma devo centellinare le parole che sono certa che non bastano per tutti quelli che verranno! Controllo, controllo, controllo sugli ambienti e le persone frequentati dai nostri figli. Maestre, bidelli, personale vario devono avere il nostro fiato sul collo sin da prima che entrino nel raggio di spazio dei bambini. C…zo!! Nella scuola “pane e acqua per genitori insolventi” gli altri bambini hanno offerto parte del loro pranzo agli amichetti col panino, in questo asilo è stato un amichetto a dire ai propri genitori quanto l’altro subiva dalla maestra. I bambini insegnano agli adulti l’ABC della civiltà!


FERRARA, CATTEDRA DELL’ORRORE: BAMBINO UMILIATO DA MAESTRA PSICOPATICA.


FERRARA, 26 MAR. – Denudato, malmenato e umiliato davanti ai suoi compagni di classe su ordine della maestra. Un nuovo caso di violenza tra i banchi di scuola scuote il rigido sistema didattico ferrarese. La vittima è un bambino di soli 6 anni, tuttora in stato confusionale, il quale sarebbe stato costretto a subire punizioni dai suoi compagni di un noto asilo pubblico, su decisione della ‘barbara’ maestra che poi lo denudava lasciandolo al centro della classe. Il piccolo é stato successivamente trasferito in un’altra scuola materna, mentre l’insegnante si è dimessa ed è indagata dalla procura minorile per maltrattamenti verso fanciulli.

LA BARBARIA – Il bambino, secondo la descrizione del corpo insegnante, pare fosse particolarmente vivace e il 5 marzo i genitori sono stati convocati d’urgenza dalla direttrice scolastica per discutere sulla delicata situazione comportamentale del figlio. Avrebbero ricevuto un documento che attestava un disturbo della sfera emozionale, con comportamenti aggressivi verso i compagni e atteggiamenti “di sfida, anche a livello fisico” nei confronti di maestre e educatrici. Ai genitori fu successivamente chiesto di concordare una visita da un neuropsichiatra infantile.

Tre giorni dopo la famiglia chiese al dirigente del circolo didattico il trasferimento in un’altra materna, scoprendo allora, proprio dalle dichiarazioni della dirigente, la barbaria a cui era sottoposto il figlio. Il racconto è veramente agghiacciante: la maestra dimissionaria per farsi ubbidire, fermava il piccolo e lo faceva picchiare da tutti altri bambini, lasciandolo poi solo in una stanza con addosso solo le mutandine. Quante volte sia successo, per ora, non è possibile quantificarlo. A parlare delle violenze per la prima volta era stato il migliore amico del bambino.

Oltre al trauma che sta vivendo il bambino oggetto delle violenze, fisiche e psicologiche, è stata aperta dalla Procura dei Minori di Bologna un’apposita inchiesta, mentre la maestra verrà indagata per maltrattamenti verso minori.

LINK ARTICOLO originale

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...