Mamma Dolce BLOG

Pedofilia – Abusi – Violenza –

Angelo Izzo e la Papi hanno convolato a nozze… mah!!

3 commenti

Il Giustiziere degli Angeli

E’ fatta: ieri Donatella Papi è diventata la signora Izzo. Che dire se non augurare alla signora un lungo e felice matrimonio? Ognuno sceglie con il libero arbitrio cosa fare della propria vita: io lo userò in questo caso solo per ricordare le vittime della mano assassina di Izzo. Rosaria Lopez,  Maria Carmela Linciano, Valentina Maiorano e Donatella Colasanti (salvatasi dal massacro fingendosi morta ma che ha vissuto con l’orrore ogni giorno e morta poi, giovane, di cancro). ALTRI ARTCOLI del blog


Angelo Izzo ha sposato Donatella Papi: il matrimonio nel carcere di Velletri. L’ergastolano: «Sono felice di iniziare una nuova vita». La sorella di Rosaria Lopez: «Povera Papi, la farà fuori».


ROMA (10 marzo) – Angelo Izzo si è sposato oggi nel carcere di Velletri con la giornalista Donatella Papi. L’uomo, che a metà degli anni ’70 partecipò alla strage del Circeo, sta scontando nel carcere della città in provincia di Roma due ergastoli, uno per i fatti del Circeo, l’altro per il duplice omicidio, di madre e figlia, commesso nel 2005 a Ferrazzano (Campobasso).

La sposa, 53 anni, è arrivata al carcere di Velletri guidando da sola l’automobile: capelli biondi raccolti sulla nuca, abito di seta rosa cipria e soprabito bianco, scarpe nere e borsa in tinta. Alla cerimonia, c’erano solo i due sposi, i 4 testimoni (due amiche carissime della Papi), un pubblico ufficiale dell’Ufficio Stato Civile, il Direttore Generale del Comune di Vellteri e il Direttore del Carcere Claudio Picardi.

«È stato un vero matrimonio d’amore – ha detto Donatella Papi uscendo dal carcere – Sono una sposa serena, ho sposato l’uomo che amo. È quello che volevamo entrambi. Non abbiamo paura, non abbiamo fatto nulla di male. Il mio futuro è accanto ad Angelo». Poi racconta: «Con Angelo ci siamo conosciuti giovanissimi, oltre 35 anni fa, abitavamo nello stesso quartiere. Angelo è uomo con un enorme patrimonio spirituale, è dotato di un autentico codice sentimentale, che ha alle spalle una grave situazione, ma non per questo non ha il diritto di sposarsi».

La neo signora Izzo ha detto che la sua prima notte di nozze la passerà a casa da sola. Ma non per questo è meno felice. Ha detto che spera di rivedere il marito il più presto possibile: «Ora potremo vederci secondo gli orari stabiliti». E alla domanda se con il marito hanno in programma figli ha risposto: «Non siamo più dei ragazzini, ma se dovesse accadere sarebbe un segno della divina providenza».

«Ho parlato con Izzo ed era assolutamente tranquillo – ha detto all’AdnKronos Filomena Fusco, legale dell’ergastolano – ha accolto la proposta di matrimonio della Papi come un’opportunità positiva e di cambiamento. Tuttavia noi difensori di Angelo Izzo abbiamo tutt’altra idea sulla vicenda. Allo stato Izzo è stato dichiarato capace di intendere e di volere, quindi, può contrarre qualunque atto che abbia effetti giuridici, compreso il matrimonio. Per contro, secondo noi avvocati, Izzo non doveva essere considerato tale e di conseguenza riteniamo che anche il valore di questo matrimonio sia per lui diverso rispetto a come viene comunemente inteso dagli altri».

«Sono felice di iniziare una nuova vita con Donatella, questo è per me un importante momento di cambiamento», ha detto Angelo Izzo all’avvocato Fusco, commentando il matrimonio celebrato nel carcere di Velletri. Izzo è apparso «molto soddisfatto» e «felice perchè c’è una persona che gli da attenzioni».

Donatella Papi, replica alle dichiarazioni del legale Filomena Fusco, dicendo che «l’avvocato non conosce le motivazioni che hanno portato al matrimonio, né era presente alla cerimonia di oggi. Non ci riconosciamo nelle dichiarazioni che liberamente sta rendendo il legale sulle ragioni e sui sentimenti della nostra scelta».

Durissime le parole di Letizia Lopez, sorella di Rosaria, seviziata a morte da Izzo, Gianni Guido e Andrea Ghira nella villetta del Circeo a metà anni Settanta: «Mia sorella direbbe: povera Papi la farà fuori sicuramente. E non ci sono dubbi, ma del resto ognuno sceglie come morire e lei evidentemente vuole morire tra le braccia di Izzo. A meno che non lo uccida lei per difendersi». Lopez dice di essere seriamente preoccupata per il figlio della Papi: «Spero che il padre protegga questo giovane da Izzo, me lo auguro davvero. Anche perché la Papi sembra una persona malata». Ma l’interessata replica dura: «Il matrimonio si è svolto nel riserbo e nel rispetto delle altrui sensibilità». Poi difende e suo figlio: «Diffido chiunque da rivolgere opinioni offensive e commenti volgari».

LINK ARTICOLO originale

Annunci

3 thoughts on “Angelo Izzo e la Papi hanno convolato a nozze… mah!!

  1. Pingback: Notizie dai blog su di quelle cose che fanno dolore

  2. Pingback: Notizie dai blog su Angelo Izzo ha sposato Donatella Papi, i legali contrariati

  3. Izzo e Donatella Papi si separano a un anno dalle nozze
    11 aprile, 22:35
    La giornalista Donatella Papi si separa dal pluriomicida Angelo Izzo, conosciuto come il ‘mostro del Circeo’

    CAMPOBASSO – La giornalista Donatella Papi si separa dal pluriomicida Angelo Izzo, conosciuto come il ”mostro del Circeo”. A poco piu’ di un anno dal matrimonio, celebrato nel carcere di Velletri (Roma), e’ la stessa Donatella Papi a spiegare la sua decisione all’Ansa.

    ”L’unione tra me e Angelo – afferma – sara’ sciolta legalmente. Izzo non e’ colpevole dei reati che gli sono stati attribuiti, ma di altri fatti gravissimi per la nostra repubblica”. ”Penso che Angelo debba chiarire alla giustizia quello che ha detto a me, sulla sua posizione. Deve prima chiarire i fatti di Ferrazzano e del Circeo. Se non fa chiarezza su questi fatti come fa ad essere collaboratore di giustizia in altri processi? Lui non porta avanti i suoi processi personali, dove potrebbe dimostrare la sua posizione”.

    ”Credo che Izzo non sia responsabile dei delitti per i quali e’ stato condannato – ha spiegato ancora la Papi – ma io mi fermo qui, perche’ non mi voglio fare complice di cose che non condivido”. Donatella Papi ha fatto intendere in carcere avrebbe raccolto le confidenze del mostro del Circeo che in qualche modo potrebbero far riaprire i processi.

    ”Tutti sanno che ci sono testimoni che hanno visto una gip parcheggiata vicino alla casa di Ferrazzano – conclude -; ci sono prove di persone che sono entrate, insomma ci sono elementi perche’ Izzo possa chiarire la sua posizione davanti alla giustizia, ma lui non lo fa e intanto fa il collaboratore di giustizia in altri processi”. Izzo sta scontando due ergastoli, uno per i fatti del Circeo, l’altro per il duplice omicidio, di madre e figlia (14 anni), commesso nel 2005 a Ferrazzano (Campobasso).

    http://www.ansa.it/web/notizie/photostory/primopiano/2011/04/11/visualizza_new.html_903302189.html

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...