Mamma Dolce BLOG

Pedofilia – Abusi – Violenza –

Denise Pipitone: rinviata a giudizio Jessica Pulizzi. Ripartono le indagini sulla scomparsa della bambina.

1 Commento

Il Giustiziere degli Angeli

Era certo ormai il rinvio a giudizio di Jessica Pulizzi per il rapimento della piccola Denise Pipitone. Il processo contro Jessica inizierà a marzo e vedrà coinvolto (per falsa testimonianza) anche il suo ex fidanzato tunisino Gaspare. Ed a questo processo si applicheranno le nuove norme che vedono inasprite le pene detentive per il rapimento di minori. Finalmente dopo tanti anni si affaccia su questa scomparsa una verità che finora è stata taciuta con l’inganno della “facoltà di non rispondere” e si riaprono le indagini, con nuove prove e dubbi che cercheranno di svelare la sorte della piccola Denise.

Denise Pipitone


(AGI) – Trapani, 19 gen. – “Non poteva essere altrimenti, a mio parere, visti gli elementi di indagine nei confronti degli imputati. Non traggo alcuna soddisfazione personale da questo processo, ma vedo l’inizio di una chiarificazione sui fatti che sarebbe dovuta avvenire anni fa”. Lo afferma Piera Maggio, la mamma di Denise Pipitone, la bimba rapita a Mazara del Vallo l’1 settembre del 2004, il giorno dopo la decisione del gup Lucia Fontana di rinviare a giudizio Jessica Pulizzi, la sorellastra di Denise, per il sequestro, e l’ex fidanzato della giovane, il tunisino Gaspare Ghaleb, per false dichiarazioni al pm. In merito, poi, alla nuova normativa applicata al processo in corso, il primo del suo genere, aggiunge: “Mi sento orgogliosa di aver partecipato alla creazione di due nuove leggi in Italia per tutelare i minori dai sequestratori, inasprendo le pene ed espandendo per le stesse il campo di applicazione”. L’inizio del processo e’ stato fissato per il 16 marzo, mentre ulteriori indagini sono state disposte dal gup di Marsala Sergio Gulotta che ieri ha respinto la richiesta di archiviazione avanzata dalla procura. Per l’avvocato Giacomo Frazzitta, legale della famiglia, “il risultato piu’ importante che abbiamo raggiunto e’ stata la riapertura dell’indagine sulla bambina a scopo di ritrovamento”. Attualmente, spiega, sono al vaglio degli inquirenti due filoni tra loro compatibili: uno vede Jessica Pulizzi quale imputata per sequestro di persona, con un processo previsto il 16 marzo prossimo davanti al tribunale collegiale di Marsala; l’altro e’ quello collegato agli elementi peritali e investigativi, “dai noi presentati grazie ai nostri consulenti – rileva l’avvocato – e che vedra’ la procura indagare su altri soggetti che potrebbero essere implicati nella vicenda”. (AGI) Mrg

Aperte ancora due piste circa l’indagine che riguarda il sequestro di Denise Pipitone, scomparsa da Mazara del Vallo nel lontano 2004 .  La prima pista riguarderebbe un’intercettazione telefonica mentre la seconda farebbe riferimento alle rivelazioni di un presunto pentito Giuseppe D’Assaro che ha accusato la sua ex moglie di aver ucciso la bambina che teneva segregata in un casolare di campagna.

La prima parte dell’inchiesta punta su un viaggio effettuato la notte tra l’1 e il 2 Settembre 2004, da uno dei sospettati circa la sparizione della bimba: sarebbe andato da Mazara del Vallo verso Carini, nel palermitano.

Il suo telefonino è stato agganciato dagli impianti telefonici che ne hanno seguito il percorso compiuto dallo stesso. In alcune conversazioni intercettate, il sospettato avrebbe fatto riferimento a una bambina che si pensa potesse trattarsi di Denise Pipitone.

Agli atti dell’indagine della Procura di Marsala c’è anche la deposizione di D’Assaro,  già pregiudicato per traffico di soldi falsi e condannato per l’omicidio di una ragazza svizzera: dicendosi pentito, D’Assaro ha raccontato di aver gettato in mare il cadavere della piccola Denise che era stata tenuta segregata dalla ex moglie Rosalba Pulizzi, anche sorella del padre naturale di Denise.

Secondo questa deposizione dunque, Denise sarebbe morta per avere ingerito un’eccessiva dose di tranquillanti, somministrati dai suoi carnefici; testimonianza che fin’ora non ha ricevuto riscontro; così la Procura di Marsala, a Luglio, ha chiesto l’archiviazione del fascicolo riguardante la scomparsa della piccola Denise.

Piera Maggio si è opposta suggerendo una serie di nuove indagini; il gip dovrà decidere a giorni cosa fare.

Da quanto ricorderemo, il dramma di Denise inizia quando viene rapita l’1 Settembre 2004 mentre giocava serenamente sul marciapiede di casa; mentre la piccola giocava, la nonna materna si allontana per qualche minuto e quando torna, la nipotina era sparita e da allora il silenzio, il dramma.

Piera Maggio racconta subito agli inquirenti che la bimba non è nata da una relazione con Piero Pulizi.

In commissariato sono convocate l’ex moglie di Pulizzi e la figlia diciassettenne Jessica Pulizzi, sorellastra di Denise. È quel pomeriggio che, nella sala d’attesa dell’ufficio di polizia, una microspia capta una frase pronunciata da Jessica ai tempi ancora minorenne: -Io a casa a purtai (a casa l’ho riportata)-.

Per gli inquirenti  è il principale indizio che conferma il sospetto che Jessica possa essere l’autrice del sequestro della sorella Denise; è anche vero che,  da quel momento, Jessica si avvale della facoltà di non rispondere e si dichiarerà sempre estranea al sequestro di Denise.

Le ricerche continuano e la speranza di riportarla tra noi non cessa di esistere.

Fonte: www.ansa.it

Advertisements

One thought on “Denise Pipitone: rinviata a giudizio Jessica Pulizzi. Ripartono le indagini sulla scomparsa della bambina.

  1. Pingback: Notizie dai blog su Caso denise: oggi a marsala al via processo a sorellastra bambina scomparsa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...