Mamma Dolce BLOG

Pedofilia – Abusi – Violenza –

Pedopornografia on-line: arresti in varie regioni d’italia. Scambiavano filmati e foto di bambini stuprati come fossero figurine da collezione.

Lascia un commento

Il Giustiziere degli Angeli

Un bollettino di guerra, ancora uno, a danno di bambini sempre più piccoli. E’ sempre piacevole leggere quanti pedofili vengono arrestati ma l’infanzia è già stata violata, macellata da questi pazzi criminali che hanno perso (ma forse mai hanno avuto) il senso della morale, del rispetto degli esseri umani, tanto più piccoli tanto più fragili e da difendere ad ogni costo.


Pedofilia, i file degli stupri in vendita su internet: anche militari tra indagati

Undici persone arrestate e oltre 70 indagate in Lombardia, Puglia, Marche e Campania per commercio su internet di materiale pedopornografico che ritraeva bimbi di 3-4 anni, vittime di stupri

Roma – Undici ordinanze di custodia cautelare, sei in carcere e quattro ai domiciliari: è il bilancio di una operazione antipedofilia della Polizia Postale in Puglia, Lombardia, Piemonte, Liguria, Toscana, Marche e Campania, nell’ambito di un’indagine sullo scambio, attraverso internet, di filmati ed immagini pedopornografiche. Sono, invece, una settantina le persone indagate. Tra queste ultime vi sono anche militari, professionisti e dipendenti della pubblica amministrazione.

Arresti in tutta Italia Con l’accusa di aver scambiato in internet file pedopornografici che ritraevano bambini, anche di tre-quattro anni, vittime di rapporti sessuali completi, undici persone vengono sottoposte a misura cautelare tra Puglia, Lombardia, Marche e Campania. Tra le persone arrestate figura anche una donna. L’operazione è stata compiuta dalla polizia postale di Bari, che sta eseguendo anche perquisizioni nelle residenze degli indagati. I provvedimenti restrittivi (sei in carcere, quattro ai domiciliari e un’interdizione all’uso del computer) sono firmati dal gip del tribunale di Bari Jolanda Carrieri su richiesta del pm inquirente, Roberto Rossi. Il reato contestato agli undici è di perdopornografia informatica sotto la forma del commercio di file pedopornografici. Durante le indagini la procura di Bri ha sequestrato, nel corso di centinaia di perquisizioni, numerosi file pedopornografici.

I file scambiati I file pedopornogafici venivano scambiati – secondo le indagini – nella comunità informatica di E-mule nella quale – a quanto viene reso noto – non c’è un server centrale che gestisce e controlla le operazioni, ma ogni utente registra una cartella e condivide i file con altri utenti. Per i file pedopornografici gli utenti usavano barattare le foto con altre immagini fotografiche. In base agli accertamenti della procura di Bari, gli scambi erano assai proficui, come dimostrano le centinaia di foto (di provenienza dell’ex Unione Sovietica e orientale) sequestrate nel corso delle indagini.

LINK ARTICOLO originale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...