Mamma Dolce BLOG

Pedofilia – Abusi – Violenza –

Pedofilia: l’orco di Napoli, Pasquale Modestino, guarderà il cielo dietro le sbarre per diciotti anni.

6 commenti

Il Giustiziere degli Angeli

Finalmente una bella notizia con una condanna esemplare. Si tratta di Pasquale Modestino, l’essere ignobile che fu lasciato libero nonostante una bambina dicesse di essere stata oggetto delle sue porche attenzioni. C’è voluta un’altra vittima, un bambino, violentato da questa bestia nei vicoli di Napoli. Da leggere gli altri articoli precedenti che trovate QUI e QUI.

LINK

PasqualeModestino

Pasquale Modestino, “l’orco di Napoli”, è stato condannato a 18 di carcere dal Tribunale del capoluogo campano per violenza sessuale, sequestro di persona e lesioni. L’uomo, di 53 anni e dipendente del Servizio fognature, aveva violentato a febbraio un bambino nel sottopassaggio di piazza Carlo III: il piccolo era un compagno di giochi del nipotino acquisito. Arrestato pochi giorni dopo l’abuso, grazie alla descrizione delle piccola vittima, Modestino ha ascoltato la sentenza di primo grado: il giudice non ha concesso alcuna attenuante «in considerazione dell’estrema violenza e delle sofferenze fisiche – si legge in una nota della Procura – inferte dall’imputato alla vittima durante durante le fasi dell’aggressione». La sentenza è stata emessa dopo due ore e mezzo di camera di consiglio. Modestino è stato condannato a versare, a titolo provvisionale, 20mila euro di risarcimento danni alla vittima. I genitori del bambino, che sono stati assistiti dal difensore di parte civile, avvocato Luciano Santoianni, hanno seguito le fasi del processo. La mamma, però, alla lettura del dispositivo di sentenza ha preferito allontanarsi dall’aula.

blitz quotidiano 3 novembre 2009

Annunci

6 thoughts on “Pedofilia: l’orco di Napoli, Pasquale Modestino, guarderà il cielo dietro le sbarre per diciotti anni.

  1. Ciao mammadolce e grazie x le tue parole nell’altro post. Che dire……..finalmente una sentenza, 18 anni che piuttosto di niente o 4 sono molti. Sono pochi rispetto a quello che ha fatto, come sono una grande presa x il ……i 20.000 euro di risarcimento.Si rendono conto che a questi bimbi non bastano 18 anni o 20.000 euro x tornare a vivere, che magari restano morti nell’anima x la durata della loro vita?. Non aggiungo altro

  2. per me dovevate dare l ergastolo schifoso di merda

  3. a quello merda dovevate darle l ergastolo

  4. Versi di disprezzo…in lingua napoletana
    ‘o pedofilo

    Dimme pedofilo..sì dico a te..
    che sfizio ce trouve e pecchè?
    faje ‘o zuzzuso..cu na criatura
    senza scuorno e senza paura…

    nun ce pienze si chist’ è figlio a te..
    e dimme che gusto truove a gudè?..
    Po’ quanno t’acchiappano..’a Questura
    p’ ‘a paura triemme comme na criatura.

    Tu ha stà sempe dint ‘a na cella ‘nzerrato..
    penzanno sempe chello che cumbinato…
    Si fosse pe’ mme t’ avesso castrato ..
    e te rimanesso…c’ ‘a faccia sfriggiata…

    tu pedofilo nun può stà miez’ ‘a gente..
    pecchè approfitte d’‘e povere ‘nnucente…
    crideme: si ll’Inferno overamente ce stà
    ha brucià dint’ ‘o ffuoco pe’ ll’eternità!

    MASSENZIO CARAVITA

    • Caro Massenzio, ci hai messo un attimo a divenire per me un MITO.
      Grazie da parte mia per quanto hai scritto (soprattutto nell’ultimo verso!!)
      Benvenuto tra noi.
      MD

  5. CIAO MAMMADOLCE E SCUSA SE SCRIVO A TE CON MOLTO RITRDO, SAI IO STO SU FACEBOOK SE PUOI MI PUOI CONTATTARE LI “MASSENZIO CARAVITA”….SPERO CHE MI CHIEDERAI L’AMICIZIA PERCHè SONO CHE LA CERCO A TE…TI FARO’ NAVIGARE NEL MIO MONDO FATTO DI VERSI…QUANDO VUOI IO SONO SU FACEBOOK-…ORA TI LASCIO CON UNA POESIA DEDICATA A TE..-..
    l’ angelo d’‘a casa
    ‘A mamma è ll’angelo d’ ‘a casa
    pecchè sape e conosce tutt’‘e ccose,
    a ‘e figlie ‘e ddà ‘e cunziglie
    e mantene aunita tutt’‘a famiglia.

    E quanno ‘e piccirille stanno malate
    ‘a mamma è sempe preoccupata,
    Chist’angelo ‘e stà sempe vicino…
    pe’ figlie è ‘a meglia mmericina.

    ‘A mamma ‘e figlie ‘e cresce
    è chella ca cchiù ‘e capisce,
    ‘e chella ca cchiù ‘e ccunosce…
    dice ‘e bbuscie e maje ‘e tradisce!

    ‘A mamma è ll’unico ammore vero
    è ‘o cchiù carnale, ‘o cchiù sincero!
    Nun ce stà parola cchiù bella ‘e mamma
    Pecchè addò staje staje a chiamme

    Già ‘a quanno staje dint’‘e fasce…
    ‘a vocca chianu chiano aunisce…
    e quanno tu ‘a chiamme essa gioisce,
    pecchè mamma ‘a dint’ ‘o core jesce.

    Ciro Borrelli
    in arte
    Massenzio Caravita
    ..CIAOP TI ASPETTO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...