Mamma Dolce BLOG

Pedofilia – Abusi – Violenza –

Rapinato Compagnone, il maestro di Parabita accusato di pedofilia.

5 commenti

Il Giustiziere degli Angeli

Link Archivio


Link Archivio

PICCHIANO E DENUDANO COMPAGNONE PER RAPINA: TRE FERMI

L’83enne di Parabita, indagato per molestie su minore, a cui una donna di Casarano uccise la moglie vendicando il figlio, vittima di una feroce rapina. Arrestati mentre erano in fuga, uno è un 17enne

PARABITA – La ricostruzione rimanda inevitabilmente ad alcuni dei fotogrammi più crudi di “Arancia meccanica”, il film del compianto Stanley Kubrick tratto da un romanzo di Anthony Burgess. E la vittima è talmente nota, alle cronache, che la questione si macchia ancor più di un giallo a tinte fosche. La mente del più fantasioso sceneggiatore non sarebbe stata in grado di partorire episodio più inquietante, da inserire nell’ipotetico copione di un film. E forse non è stato scelto a caso, quell’anziano. Forse i tre ritenuti dai carabinieri della compagnia di Casarano gli autori di una rapina a dir poco efferata, compiuta questa notte, sono andati a colpo sicuro, sapendo che era solo in casa. E chissà se hanno infierito perché si tratta di un personaggio controverso. Solo ipotesi, è chiaro. Certo è che il nome di Luigi Compagnone, 83enne, desta sentimenti contrastanti, in chi lo sente pronunciare. Attualmente è indagato per abusi su minore.

La storia è talmente nota, che si potrebbe evitare persino di raccontarla. Una donna di Casarano, la “mamma giustiziera” è stata ribattezzata, nei confronti della quale è stata peraltro di recente confermata la sentenza in Appello a sette anni di carcere, nel novembre del 2007 fece irruzione all’interno dell’abitazione dell’uomo, sarto in pensione, brandendo un paio di coltelli. Il figlio le aveva rivelato cose orribili. Colta da un raptus, la madre uccise la moglie di Compagnone, Jolanda Provenzano, 71enne, maestra in pensione, e ferì quest’ultimo gravemente. Si sarebbe comunque salvato.

La giovane donna di Casarano non riusciva a levarsi dalla testa l’idea che fra quelle quattro mura, dove pensava che suo figlio fosse al sicuro, potessero esservi piuttosto delle morbose attenzioni sessuali. Ci andava a fare il doposcuola, il figlio. Doveva essere un momento di studio e riflessione. I silenzi, sempre più evidenti e imbarazzati, quando rientrava a casa, la misero in allerta. Poi, il bimbo parlò. Il caso delle presunte molestie è ancora aperto e tutto da chiarire. Certo è che ora, parallelamente, si apre quest’altro agghiacciante squarcio nella cronaca locale. “La casa degli orrori”, era già stato lugubremente chiamato quell’appartamento al pian terreno di via dei Mille.

L’ASSALTO – Ore 1 di notte. In tre assaltano l’abitazione di Compagnone. Hanno volti coperti da passamontagna, non esitano a sfondare la porta di casa, secondo quanto ricostruito nel giro di poche ore dai militari della compagnia casaranese. Aggrediscono l’anziano, lo denudano. Lo tengono sotto tiro con un coltello puntato alla gola. Una scena che, nell’83enne, deve aver rievocato inevitabilmente vecchi fantasmi. Senza possibilità di difendersi, consegna ai tre gioielli, ori e denaro contante. E’ ancora sotto choc, questa mattina, non è stato possibile quantificare bene quanto sia stato portato via. I gioielli, oltretutto, appartenevano alla moglie uccisa a coltellate proprio quel maledetto pomeriggio del 5 novembre di due anni or sono. Forse qualcuno, nelle vicinanze, sente il trambusto. Parte una richiesta di aiuto. Una richiesta anonima, al 112. Qualcuno segnala movimenti sospetti nel centro cittadino.

Durante la fuga, uno dei tre rapinatori, un 17enne di Matino, viene intercettato in pochi istanti da una pattuglia dei carabinieri. Bloccato, ha con sé ancora il coltello ed il passamontagna. Sul posto volano altre pattuglie dell’Arma, per cercare i complici. Non possono essere lontani. E anche sulla base delle descrizioni fornite da Compagnone, gli altri due, in poco tempo, vengono bloccati. Stavano giusto cercando di rincasare. Si tratta di Antonio Manco, 21enne di Matino, e di Biagio Toma, 41enne, di Parabita, entrambi già noti alle forze dell’ordine. Ora devono rispondere di rapina a mano armata e lesioni personali. Compagnone è stato infatti condotto presso il pronto soccorso dell’ospedale di Casarano. Ha riportato escoriazioni alle mani e al volto. I due maggiorenni sono stati rinchiusi nel carcere di Lecce, il 17enne nel centro di accoglienza per minori sulla via per Monteroni di Lecce. Si cerca ancora la refurtiva. Nell’aria, l’eco di un gesto eclatante che, semmai ce ne fosse ancora bisogno, fa da ulteriore cassa di risonanza su alcune delle pagine più nere della cronaca locale.

Emilio Faivre Link Articolo

Annunci

5 thoughts on “Rapinato Compagnone, il maestro di Parabita accusato di pedofilia.

  1. niente da dire.. sono d’accordo che abbiano aggredito l’83enne che se lo meritava, anzi io nn capisco com’è che stava in libertà dopo aver abusato di un minorenne e alla mamma del bimbo, che, con tutta ragione è andata a difendere l’infanzia del suo bimbo,l’hanno condannata a 7 anni… scusate ma questa vi sembra giustizia??? io nn credo proprio..tante volte la giustizia bisogna farsela da sè … purtroppo…. mi dispiace che siano andati per rapinare , e meritano la loro condanna.. ma nn mi dispiace assolutamente che abbiano aggredito il compagnone….

    • oh ma si sta scherzando???mahhhhhhhhhhhhhhhhh credo che il loro scopo non era aggredire il compagnone per quel povero bambino che ha subito abusi , ma solo per rapinare. Magari sarebbe capitato ad un altro anziano che nn avrebbe fatto nulla, loro l’avrebbero aggredito ugualmente.

  2. Si dice in giro che stiano facendo una colletta per uno di loro,per pter pagare l’avvocato,per poter riportarlo alla sua famiglia….vorrei sapere gli altri cosa ne pensno…se sia una iusta cosa?se debba essere approvata?se sia giusto che la gente debba aderire per qualcuno che prima di mettesi in qstcondizioni era in grado di intendere e volere?…risp senza problemi e sl un sondaggio…Grazie per la vostra attenzione…!

  3. ogniuno deve scontare i suoi errori nel modo più giusto……

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...