Mamma Dolce BLOG

Pedofilia – Abusi – Violenza –

Rapita e violentata per anni: Jaycee Lee Dugard rapita ad 11 anni

Lascia un commento

Il Giustiziere degli Angeli

Jaycee fu rapita 18 anni fa quando di anni ne aveva solo 11. La famiglia della piccola californiana era ormai da anni rassegnata a pensarla morta, uccisa da un pazzo. Chissà quante lacrime hanno versato, quante volte in 18 anni hanno sognato di poterla riabbracciare, di sfiorare quei lunghi capelli biondi che le circondavano il viso d’angelo…. chissà!!

 Jaycee Lee Dugard

Jaycee Lee Dugard

Invece da quel giorno Jaycee e per 18 lunghi anni ha vissuto l’inferno creato da un pazzo, Phillip Garrido, che l’ha tenuta segregata e violentata fino a farle dare alla luce due bambine (ora quasi adolescenti) che mai hanno visto una scuola o un medico. Garrido e la sua degna moglie, Nancy, avranno modo di pensare a quanto orrore hanno creato con le loro menti deviate?

Phillip Garrido

Phillip Garrido

Nancy Garrido
Nancy Garrido

Libero-News – Rapita e violentata per vent’anni Il mostro: un giorno il mondo capirà.

Dice di poter parlare con gli angeli tramite una scatola e che un giorno tutti capiranno il suo gesto. Un fanatico religioso in California si è costruito il suo surreale mondo, nel quale gli “angeli” in carne e ossa erano Jaycee Lee Dugard, 29 anni, scomparsa da quando ne aveva 11, e le sue due figlie di 15 e 11 anni.

Il “mostro” è Phillip Garrido, 58 anni, il “Fritzl” americano, come già viene chiamato in tutto il mondo. E al suo fianco è rimasta la moglie di 55 anni, Nancy, che non ha fatto nulla per fermare i crimini che si svolgevano nella baracca dietro casa. Ad Antioch, nella Contea di Contra Costa, a un’ora di auto da San Francisco, i vicini di casa dei Garrido non avevano sospetti su quella famiglia “normale” che aveva quel giardino nascosto da una staccionata e alcuni tendoni. Là dietro, in quel cortile degli orrori, c’era Jaycee Lee, rapita da Garrido quando aveva 11 anni, da allora nessuno aveva più notizie di lei: l’ultimo a vederla era stato suo patrigno, Carl Probyn, mentre la piccola veniva caricata su un’auto da due sconosciuti. La famiglia dopo le ricerche si era rassegnata, si pensava che la piccola fosse morta, casomai uccisa da un folle. Ma un folle, invece, l’aveva scelta per portare avanti il suo mondo perverso, fatto di vaneggiamenti religiosi, stupri e violenze carnali. La piccola Dugard è cresciuta lì, è diventata adolescente e poi donna. Ha subito periodicamente le violenze del suo rapitore, che l’ha pure messa incinta, due volte. E nella prigione dietro casa sono nate due bambine, che ora hanno 15 e 11 anni, e che nella loro vita non hanno mai visto un medico e non sono mai state a scuola. Un testimone ha detto di aver visto le due piccole mentre erano con il padre degenere: erano molto timide, non erano abituate alla gente. Nella casa degli orrori andava periodicamente la polizia. Garrido infatti aveva precedenti per reati di violenza carnale, si era fatto anche un periodo in galera. Gli agenti arrivavano, scambiavano qualche battuta e poi se ne andavano. Mentre dietro, a pochi metri da loro, era rinchiusa Jaycee Lee, che era anche obbligata a stampare i volantini religiosi che il mostro distribuiva. Ora l’incubo è finito, la ragazza, diventata donna, ha potuto riabbracciare la famiglia, dopo essere andata in una stazione di polizia e aver rivelato la sua identità. Era finita lì perchè Garrido doveva presentarsi per un controllo e aveva portato tutta la famiglia. Jayce Lee prima ha tentennato e poi ha detto chi era. I Garrido sono stati arrestati e ora li attende sicuramente un lungo periodo dietro le sbarre. Così la donna, dopo 18 anni, è tornata a casa, abbracciando i suoi cari, sconvolti dalle notizie, e presentandogli le loro nipotine. Mentre Garrido continua a vaneggiare dal carcere: «Quello che è successo all’inizio è una cosa disgustosa, ma poi la mia vita è completamente cambiata», ha detto in un’intervista telefonica. Triste e lungo l’elenco dei precedenti, da Josef Fritzl 73 anni, che aveva tenuto sequestrata la figlia Elisabeth per quasi 24 anni e l’aveva obbligata a rapporti incestuosi con lui dai quali sono nati 7 figli, fino a Natascha Kampusch, che dopo otto anni e mezzo di prigionia, è riuscita a fuggire dal suo sequestratore Wolfgang Priklopil di 44 anni.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...