Mamma Dolce BLOG

Pedofilia – Abusi – Violenza –

Pedofilia: il recidivo era fuori per decorrenza dei termini e violentò una bambina di 4anni. Chi è il colpevole di questa nuova violenza?

Lascia un commento

Il Giustiziere degli Angeli

Il pedofilo recidivo libero dopo la condanna, il Csm archivia il “caso Agrigento”

Il plenum del Csm ha chiuso con l’archiviazione il caso del pizzaiolo agrigentino Vincenzo Iacono, 46 anni, condannato due volte per abusi sessuali ai danni di tre bambine. Iacono, nel febbraio del 2008, si trovava libero nonostante la condanna a 6 anni e 6 mesi con il rito abbreviato per avere violentato due ragazzine di 8 e 11 anni di Aragona. Dopo avere adempiuto al semplice obligo di firma in Caserma avrebbe poi abusato di una bimba di 4 anni dopo averla portata in una casa di campagna. L’allora ministro della Giustizia Luigi Scotti avviò un’inchiesa per accertare i fatti e lo stesso fece il Consiglio superiore della magistratura. Ora è stata decisa all’unanimità l’archiviazione anche se Palazzo dei Marescialli ha lanciato ai magistrati l’appello a compiere «ogni sforzo anche organizzativo per definire i termini il più rapidi possibili il procedimento, in vicende come quelle di particolare delicatezza per la caratteristica del reato». Infatti Iacono era stato scarcerato per decorrenza dei termini di custodia cautelare dopo che le indagini si erano protratte per oltre due anni e dopo un’udienza preliminare durata dieci mesi. Alla base dell’archiviazione le considerazioni della prima commissione del Csm che in questi casi può solo applicare un trasferimento d’ufficio dei magistrati responsabili, e ha valutato come quasi tutti i magistrati che si erano occupati del caso «non sono più in servizio negli uffici giudiziari di Agrigento». Tuttavia il Csm ha trasmesso gli atti al pg della Cassazione per i necessari approfondimenti visto il protrarsi dei tempi nell’ambito del processo all’uomo accusato di pedofilia. Il pg dovrà verificare se «oltre a eventuali responsabilità personali dei ritardi ingiustificati dei singoli magistrati interessati vi sia stato anche un deficit organizzativo degli uffici, in particolare della Procura e della sezione gip/gup del Tribunale di Agrigento»

http://www.agrigentoweb.it/il-pedofilo-recidivo-libero-dopo-la-condanna-il-csm-archivia-il-caso-agrigento_11220/

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...