Mamma Dolce BLOG

Pedofilia – Abusi – Violenza –


Lascia un commento

Vittorio Maglione suicida a 13 anni: ricordiamolo intitolandogli una scuola.

Il Giustiziere degli Angeli

Questo blog aderisce all’iniziativa per intitolare una scuola a Vittorio Maglione suicidatosi a soli 13 anni perchè era figlio di un camorrista e non voleva essere ucciso come il suo fratello quindicenne. ( LINK ).

Dal sito di Roberta-Lerici

Siamo stati in tanti ad essere rimasti colpiti dal suicidio del piccolo Vittorio Maglione di Villaricca. Moltissimi sono i messaggi arrivati a questo e ad altri blog che hanno dedicato a Vittorio un pensiero, o un lungo articolo. Per questo il Movimento per l’Infanzia, di cui faccio parte, ha pensato di lanciare questa iniziativa su Face Book:

“Perché il gesto così forte e disperato di Vittorio resti nella memoria collettiva di una società sorda e cieca nei confronti dei bisogni e delle aspettative dei bambini, chiediamo che a Vittorio Maglione sia intitolata una scuola come si usa fare con le persone che hanno combattuto per grandi ideali.
La vita di questo bambino è stata breve, ma il messaggio che ha lasciato con il suo gesto, deve diventare un simbolo della battaglia per una società migliore, dove il sogno di cambiare tutto, anche il proprio destino, si possa realizzare.”

Per aderire all’iniziativa non serve viaggiare, nè spostarsi, basta cliccare qui

http://www.facebook.com/event.php?eid=75866468347&ref=mf

Chi non usa Facebook, può inviare una email di adesione morale all’iniziativa scrivendo a “bambinicoraggiosi@yahoo.it “

Annunci


Lascia un commento

Abusi aberranti su minori in dei video.

Il Giustiziere degli Angeli

Quante storie, non racconti di fantasia, colpiscono con forza ogni giorno le nostre orecchie ricordandoci a noi (non ai politici) quanto è pericoloso oggi il mondo per i nostri piccoli Angeli. E’ cronaca, è orrore ma nulla di più se tutto questo continua ad esistere e se anche le nuove leggi appena firmate si dimenticano che i primi da proteggere sono proprio i bambini. Shhh, silenzio… è solo cronaca, non aver paura!

Continua a leggere


1 Commento

Bambini abbandonati in pizzeria. Quale è la loro storia inascoltata? Quale sarà ora il loro destino?

Il Giustiziere degli Angeli

Così, improvvisa sul TG mentre le famiglie cenano, la notizia dei tre bambini abbandonati in una pizzeria alla periferia di Aosta. La forchetta ti rimane a metà, tra il piatto e la bocca, e rimani lì inebettito di fronte ancora a bambini che non sanno porsi neanche domande. Quattro anni, due anni, otto mesi… piccoli innocenti messi di fronte ad un baratro enorme. Ma cosa accade? quali domande dobbiamo porci di fronte a fatti simili? quale società siamo diventati? Ma ovviamente i giornali e le TV si pongono altre domande, più crude, più legate alle persone che hanno fatto il gesto che ad una società intera. Ed allora si legge il diario della donna che ha abbandonato i figli per cercare il suo “personale” perchè e si scopre che la situazione finanziaria della famiglia è cupa, che il passato di tossicodipendenza del compagno non ne dipinge un quadro idilliaco. Si accredita l’ipotesi del suicidio dei giovani genitori e così si chiude un cerchio di giustificati motivi “personali” per cui la colpa è solo la loro e guai se fossero vivi ed intenti a vivere dei loro stenti perchè sarebbero dei mostri ben peggiori. Scusate ma da tempo mi sono accorta che persone e famiglie in difficoltà non hanno porte a cui bussare per chiedere “aiuto” e quindi dico che le colpe non stanno mai da una parte sola, come in un qualsiasi altro rapporto che porti allla separazione, al divorzio di una coppia: qui c’è una famiglia che divorzia dallo Stato! Come al solito nessuno ha visto, nessuno ha capito, nessuno è intervenuto prima che dei bambini si trovassero abbandonati in pizzeria, prima che ci si domandasse “quale sarà ora il loro destino?”.

226629

La foto della coppia

 Bambini abbandonati al ristorante – Continuano le ricerche della coppia
Sono ricercati in Italia e all’estero la madre e il compagno che domenica sera hanno abbandonato tre bambini in una pizzeria ad Aosta.

Sono in corso ricerche a 360 gradi, in Italia e all’estero, della coppia tedesca che domenica sera ha abbandonato tre bambini (figli di lei) di 8 mesi, 2 e 4 anni in una pizzeria della periferia di Aosta. A condurle è la polizia in collaborazione con l’Interpol. I due – Ina Caterina Remhof, di 26 anni, e il suo compagno Sascha Schmidt, di 24 anni – provengono da Finnentrop, cittadina tra Dortmund e Colonia, nel nord-ovest della Germania. Come emerso dal diario della donna, ritrovato nell’auto e tradotto da un interprete, lei ha difficoltà economiche mentre lui ha un passato con problemi di droga. Secondo la polizia, è probabile che siano arrivati in Italia dal traforo del Gran San Bernardo. I vigili del fuoco e la protezione civile stanno effettuando una ricerca sulla Dora Baltea nei pressi dello sbarramento della centrale idroelettrica di Saint-Marcel. Oltre all’ipotesi del suicidio, che rimane la più accreditata, non si esclude la possibilità della fuga anche se i due non hanno portato con sè i documenti e – secondo quanto si è appreso – non avevano soldi.

L’ARRIVO IN ITALIA. A bordo di una Ford Fiesta sono entrati in Italia il 14 aprile scorso, alle 17,00, dal Traforo del Gran San Bernardo che collega la Valle d’Aosta alla Svizzera, i due tedeschi – Ina Caterina Remhof, di 26 anni, e il suo compagno, Sascha Schmidt, di 24 anni, di Finnentrop (Nord Westfalia) – che domenica hanno abbandonato i tre figli di lei in un ristorante di Aosta. Gli inquirenti stanno cercando di ricostruire gli ultimi giorni della coppia così come di trovare indizi utili per scoprire dove possano essere andati. Il 16 aprile erano stati notati, insieme con i bambini, nella zona commerciale di Saint-Christophe, nei pressi del supermercato Gs. Altre segnalazioni stanno arrivando in queste ore alla Questura di Aosta e devono ancora essere verificate. Proseguono nel frattempo le ricerche in tutta la regione con l’utilizzo degli elicotteri della protezione civile valdostana e della polizia.

 LINK unionesarda


Lascia un commento

Malato di HIV contagia ignari adulti e ragazzi minorenni.

Il Giustiziere degli Angeli

Malato di HIV contagia ignari adulti e ragazzi minorenni. I primi consenzienti ma ignari della malattia, i secondi abusati dal pedofilo che forse gli ha anche consegnato una cartolina per l’inferno. In questa storia l’orrore che accompagna l’abuso su minorenni tinge di nero ancor peggio paventando l’aver contratto una malattia terribile come l’AIDS. In questa follia disumana non ci sono confini valicabili dove poter trovare un barlume di guarigione per le vittime di questo essere spregevole. Non ci sono parole di solidarietà che possano aiutare gli adulti che sono venuti in contatto con questo verme e non ci sono parole d’amore che possono consolare i bambini di cui l’ignobile ha abusato.

ARTICOLI TRATTI DA ilsecoloxix

Pedofilo e “untore”di Hiv, chiede gli arresti domiciliari.
L’allarme è scattato per caso, dopo che un avvocato ha presentato all’ufficio del giudice per le indagini preliminari l’istanza per far scarcerare un cliente. Il problema è che quel cliente è un quarantenne finito in carcere poco tempo fa per violenza sessuale e pedofilia. E – come risulta dalle carte dell’inchiesta chiusa temporaneamente con il suo arresto – ha avuto rapporti non protetti con numerosi partner, fossero maggiorenni o minorenni, consenzienti o meno.

Continua a leggere


22 commenti

Terremoto in Abruzzo: i testimoni di Geova si sono salvati, i cattolici hanno raggiunto il Paradiso.

Il Giustiziere degli Angeli

Dal triste giorno del terremoto d’Abruzzo i giornali e le televisioni non hanno fatto altro, come è giusto che sia, d’occuparsi dei terremotati, dei loro bisogni, del loro dolore. Ma si sono occupati anche di dirci, con voce tonante, che i responsabili delle costruzioni di cartone dell’Abruzzo saranno assicurati alla Giustizia… Spesso, un po’ troppo spesso, hanno cercato di smorzare le voci che dicevano che i segnali di allarme c’erano e che nulla è stato fatto per mettere al sicuro la popolazione dal disastro. Infine hanno imbastito la farsa contro la trasmissione AnnoZero e contro Vauro e le sue vignette satiriche: insomma ci danno da bere le idiozie per farci meglio digerire i mattoni a terra. Ho seguito sia la trasmissione scorsa di AnnoZero che quella di ieri sera ed ho trovato vomitevole ogni volta solo le lotte tra uomini di potere che hanno ben poco da dire di vero su questo tragico terremoto. Si parla di cifre, di euro e di morti che siano; si sparla delle vecchie e delle nuove amministrazioni politiche ma si dicono solo parole vuote sul perché non si è fatto nulla ripetendo sino alla noia “i terremoti non si possono prevedere” e noi tutti aggiungiamo: ma non si poteva neanche prevenire il disastro e salvare delle vite?? Vado a leggere il Blog di Beppe Grillo e scopro che…. (riporto interamente):

La religione può salvare la vita di una persona o farla entrare (in anticipo) nel regno dei cieli. In Abruzzo i Testimoni di Geova si sono salvati, i cattolici hanno raggiunto il Paradiso. I geoviani, prima del terremoto, hanno avvertito i membri della loro comunità del pericolo. Raccomandato di dormire in macchina e di tenere con sé delle valigie con il necessario. Sono tutti sopravvissuti.

Continua a leggere


4 commenti

Abusi su minori: storie di follia disumana ai danni dei nostri bambini

Il Giustiziere degli Angeli

Tre storie di follia “disumana” ai danni dei nostri bambini. Storie che animano anche gli incubi di noi genitori adulti che ogni giorno leggiamo tutto questo come un bollettino di guerra dove le vittime sono però tanti piccoli Angeli su cui si sono posate le mani di orribili orchi senz’anima. L’ultima storia che leggerete di seguito parla però di una condanna ad una donna, pedofila, per otto anni di reclusione: sempre pochi per il male che ha fatto ai bambini vittime della propria perversione ed altro.

IlGiornale.it – Taranto, abusava di 4 nipoti con il compagno gay.
Taranto – Una brutta storia di perversione e abusi su minori sconvolge la Puglia. Un 39enne avrebbe narcotizzato e abusato sessualmente per oltre 10 anni dei suoi quattro nipoti assieme al suo convivente di 58 anni. Il padre dei bambini è stato arrestato questa mattina; all’altro uomo, indagato, il provvedimento restrittivo è stato notificato in carcere dove sconta una condanna alla pena di due anni e sei mesi di reclusione per abusi sessuali compiuti nei confronti del figlio.

Continua a leggere


2 commenti

Abusi su minori: Don Ruggero Conti chiede il giudizio abbreviato

Il Giustiziere degli AngeliIn questo blog potrete trovare gli articoli riguardanti Don Ruggero Conti (della parrocchia di Roma Selva Candida), finito in carcere il 30.giugno.2008 con l’accusa di “abusi sessuali su minori continuati ed aggravati nel corso di 10 anni”. Don Ruggero fù scarcerato e messo agli arresti domiciliari ma, con l’approvazione del nuovo decreto sulla sicurezza, il 18.marzo di quest’anno è stato di nuovo messo in carcere. La difesa chiede ora che sia giudicato con il rito abbreviato!

Pedofilia, sacerdote chiede giudizio immediato
E’ stata la stessa difesa del sacerdote a chiedere l’accesso a tale rito. Il prete è stato arrestato lo scorso giugno per abusi su minori.

Continua a leggere