Mamma Dolce BLOG

Pedofilia – Abusi – Violenza –

Amstetten: 11ore di un video testimonianza di Elizabeth. L’orrore durato 24 anni.

1 Commento

Il Giustiziere degli Angeli


Ieri ha avuto, finalmente, inizio il processo a carico di Josef Fritzl, il padre-mostro di Amstetten che ha segregato e violentato sua figlia per 24 anni. Ci si aspetta la sentenza gia in settimana ed io fortemente spero nella pena dell’ergastolo. Per il crimine commesso da quest’essere disumano non ci sono pene superiori applicabili e quanto ha commesso verso sua figlia e verso i bambini che le ha fatto partorire va molto oltre ogni più orribile incubo. La stupida scena di oggi di nascondersi il viso dietro quella cartelletta non ha cancellato quel viso di mostro che abbiamo più volte visto ma che è stato soprattutto l’incubo di Elisabeth e dei suoi figli per tanti lunghi anni. Egli ha ammesso tutte le accuse meno la riduzione in schiavitù e l’omicidio di uno dei bambini (morto dopo la nascita per insufficenza respiratoria e bruciato poi da Fritzl nella stufa…). La perizia su quest’essere orribile ci parla di un uomo fortemente cosciente e molto pericoloso e non si può pensare neanche per un millesimo di secondo che non finisca la sua vita tra le mura di un carcere peggiore di quello che ha inflitto ad Elisabeth. Auguro invece a lei ed ai figli una vita piena di sole.

VIENNA (17 marzo) – È ripreso stamani al tribunale regionale di St. Poelten, in Bassa Austria, il processo a Josef Fritzl, il padre-mostro che per 24 anni ha tenuto prigioniera e violentato sua figlia Elisabeth, facendole partorire sette figli.

Ieri, alla prima giornata del processo, Fritzl, che ha oggi 73 anni, si è riconosciuto colpevole di incesto, stupro e segregazione, ma ha respinto i capi di imputazione più gravi: omicidio colposo (di un figlio dell’incesto morto poco dopo il parto per difficoltà respiratorie) e riduzione in schiavitù. A seconda della sentenza, attesa per venerdì o giovedì prossimi, Fitzl rischia fra un minimo di dieci anni e l’ergastolo.

Testimonianza videoregistrata. Il dibattimento oggi dovrebbe svolgersi interamente a porte chiuse, ma non è escluso che il pubblico, inclusi i 95 giornalisti accreditati, sia riammesso in aula, se verranno ascoltate le perizie di esperti. Altrimenti l’udienza sarà dominata dalla visione della testimonianza videoregistata della vittima, la figlia Elisabeth, 43 anni. La registrazione con il racconto del «martirio» patito dalla donna da quando aveva 18 anni fino alla sua liberazione il 26 aprile 2008, dura in tutto 11 ore. Oggi saranno fatte ascoltare solo alcune parti.


Advertisements

One thought on “Amstetten: 11ore di un video testimonianza di Elizabeth. L’orrore durato 24 anni.

  1. Anche se credo molto nella giustizia e sono contro la pena di morte.
    Sinceramente, penso che per questi tipi di persona non ci dovrebbero essere tribunali che tengano……

    E poi, l’avvocato difensore…. come si sentira la sera prima di addormentarsi, come fa a diffendere una persona cosi…………, non esistono parole per descriverlo.

    E la moglie, com’è possibile che non sapesse niente!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...