Mamma Dolce BLOG

Pedofilia – Abusi – Violenza –

Rignano Flaminio: indagini chiuse; pronti per il rinvio a giudizio.

1 Commento

Il Giustiziere degli Angeli

A ridosso del Natale è stato firmato l’avviso con l’articolo 415 bis del CPP. Tale atto prelude il rinvio a giudizio e, se non vi saranno richieste di approfondimento all’indagine con nuovi elementi, si aprirà il processo verso le maestre indagate per presunti abusi sui bambini dell’asilo Olga Rovere.

Asilo Olga Rovere

Asilo Olga Rovere

Rignano, le maestre rischiano il processo
Abusi sui bimbi all´asilo, chiuse le indagini. La procura pronta a chiedere i rinvii a giudizio
di Marino Bisso (La Repubblica)
Nessuna archiviazione. Chiusa l´indagine sui presunti abusi sessuali alla scuola materna Olga Rovere di Rignano Flaminio, ora la procura è pronta a chiedere i primi rinvii a giudizio per le maestre sospettate delle violenze nei confronti di alcuni loro ex alunni. Il procuratore capo di Tivoli, Luigi De Ficchy, e il pm Marco Mansi hanno firmato prima di Natale i 415 bis, gli avvisi che normalmente preludono alla richiesta del processo.

Gli atti verranno consegnati nei prossimi giorni. La controversa inchiesta sui presunti episodi di pedofilia di cui sarebbero stati vittime una ventina di bambini della Olga Rovere prese avvio l´estate di tre anni fa e divise tra colpevolisti e innocentisti gli abitanti del piccolo comune alle porte della capitale. Sono quattro le insegnati finite al centro dell´inchiesta per pedofilia ma non tutte potrebbero ricevere le comunicazioni giudiziarie. Alcune posizioni, infatti, potrebbero essere stralciate e essere archiviate su richiesta degli stessi pm.

Le maestre che invece rischiano di finire sotto processo sono le stesse che sono state indicate dai bambini della Olga Rovere ascoltati dal gip Elvira Tamburelli in sede di incidente probatorio in presenza di una neuropsichiatra. Anche in questo caso non è scontata la richiesta di rinvio a giudizio. Le insegnanti dopo aver ricevuto il 415 bis avranno, infatti, la facoltà di farsi ancora sentire dalla procura e di produrre nuovi elementi a propria difesa e di conseguenza i pm potrebbero ancora decidere di ritirare le accuse. In ogni caso le singole posizioni degli indagati saranno valutate da un nuovo giudice, differente dal gip Tamburelli che aveva firmato gli arresti delle maestre.

Il giudice dell´udienza preliminare, dovrà decidere se processare o meno le insegnati indagate che erano state scagionate dagli accertamenti del Ris sui peluche e le tracce repertare nelle loro abitazioni. Nell´aprile 2007, la procura chiese e ottenne l´arresto delle maestre Patrizia Del Meglio, Marisa Pucci, Silvana Magalotti, della bidella Cristina Lunerti, di Kelum De Silva e dell´autore televisivo Gianfranco Scancarello, marito della Del Meglio e del benzinaio cingalese Kelum Weramumi De Silva. Gli arresti venero poi annullati dal Riesame la cui decisione venne confermata dalla Cassazione.

L´avvocato Franco Coppi, difensore con Roberto Borgogno, della maestra Del Meglio e di Gianfranco Scancarello hanno sempre ribadito «l´inesistenza di riscontri fisici sui presunti abusi» e soprattutto hanno contestato la «validità delle testimonianze rese dai piccoli». «Esistono solo testimonianze e una perizia psicologica – hanno più volte spiegato i difensori – Ma manca del tutto l´indagine psicologica per capire se i bambini siano stati suggestionati». L´avvocato Giosuè Naso, difensore della maestra Silvana Malagotti, ha sempre parlato di «psicosi collettiva».

 

Annunci

One thought on “Rignano Flaminio: indagini chiuse; pronti per il rinvio a giudizio.

  1. Carissimi, forse finalmente si potrà vedere un pò di luce ala fine di questo oscuro tunnel di orrore riguardante l’annosa e dolorosa vicenda dei bambini di Rignano Flaminio.
    Purtroppo oggi i bambini abusati, violati, discriminati in tutto il mondo sono tantissimi, troppi.
    Pensate che in certi Paesi nel 2009 ancora si crede che un deficit psicologico o una malattia siano una vergogna ed i piccoli non vengono curati o addirittura peggio.
    Per questo un’associazione no profit di Marsala , in Sicilia, da 26 anni si da da fare per dar vita a micro-realizzazioni, progetti dove si sa qual’è il fine e chi sono i protagonisti reali.
    Collaborano medici, sacerdoti, laici, volontari…
    Ho pensato che se per voi i bambini sono importanti lo saranno anche quelli che non conoscete, che vivono lontanissimi da noi e che sono considerati”ultimi”.
    AMICI DEL TERZO MONDO: DA 26 ANNI A SERVIZIO DEGLI ULTIMI
    Cosa fa pensare oggi la parola“ultimi” ? Un torneo di calcio, le Olimpiadi, i CD o i film in classifica?
    Probabilmente a parte queste prime semplici associazioni di idee seguirà l’insopportabile ed ansiogena sensazione legata alla parola “perdente”.
    Nella Società di oggi, da un lato trasfigurata dalla Crisi globale e dall’altra dimentica nella giostra del Consumismo panacea di tutti i mali, gli ultimi sono i bambini scomparsi, gli invisibili o quelli che sarebbe meglio non vedere, i senzatetto, i disoccupati, i precari, gli anziani, i disabili, i rom, gli extracomunitari.
    Ancor peggio, gli “ultimi” oggi fanno paura, fanno pensare al nemico a chi ti aggredisce nel buio della quotidiana guerra fra poveri che si consuma sotto luci natalizie e vetrine addobbate a festa.
    D’altro canto Natale è Natale…
    Il quadro sarebbe davvero desolante se non fosse per delle piccole lucine animate che risplendono nell’oscurità dando speranza e segnando una strada diversa, un modo antico e innovativo insieme di vivere la vita: queste piccole grandi stelle sono tutte quelle persone che vivono per il bene degli altri, dei bisognosi, degli “ULTIMI” che in tutte le parti del Mondo grazie alla generosità ed all’amore di pochi emergono dal nulla e dalla dimenticanza e riacquistano la dignità di Persona ed Essere Umano.
    Fra queste luci che si agitano senza fermarsi mai ci sono i membri Dell’Associazione Amici del Terzo Mondo che da ben 26 anni, da una piccola città del Sud Italia, la sicilianissima Marsala, operano per dar vita a innumerevoli micro-realizzazioni in Ecuador, Nigeria, Uganda, Zaire, Filippine, Brasile, Tanzania.
    In occasione del Ventiseiesimo anno di attività l’Associazione Amici del Terzo Mondo, fra le tante iniziative propone per il 31 Gennaio 2009 una cena di Solidarietà il cui ricavato sosterrà il “CENTRO SHALOM” di Maroua nel Nord del Camerun che si occupa della rieducazione e della riabilitazione dei bambini disabili mentali e fisici.
    Responsabile del Centro è Margherita Marascia Vondou, una ragazza italiana, di Mazara del Vallo, che da sei anni ha scelto di vivere in Camerun e di occuparsi in particolare dei più piccoli che vengono spesso discriminati e rifiutati dalla stessa loro famiglia come una vergogna da nascondere alla Società.
    Il “CENTRO SHALOM” si adopera con il suo esempio, oltre che alla realizzazione delle cure mediche e riabilitative, per creare una situazione sociale che favorisca l’integrazione ed il cambiamento di errate ed arcaiche convinzioni sociali che stroncano le possibilità di vita dei piccoli disabili.
    Chi volesse contattare Margherita e l’Associazione Amici del Terzo Mondo potrà scrivere alla mail centrosh@yahoo.fr o telefonare allo 00393356589544.
    La Cena di Solidarietà vede il sostegno di tutti i partecipanti: dai ristoratori ai lavoratori ai commensali! I 20,00euro per la partecipazione, gli stipendi della serata, tutto ciò che occorre per realizzarla sono donati interamente, si tratta di una manifestazione di solidarietà praticamente a costo zero: il ricavato sarà totalmente devoluto al Centro Shalom di Maroua-Camerun.
    Una sera “Davvero Insieme” in comunione per noi stessi e gli altri.
    Un piccolo gesto per fare del bene alle nostre anime spesso inaridite dal male di vivere può dare una possibilità di vita a dei bambini in pericolo.
    Sabato 31 Gennaio 2009 inizia l’anno nuovo all’Hotel Baglio Basile alle ore 20,00 con gli Amici del Terzo Mondo e la volontaria Margherita Marascia Vondou.

    Francesca Pipitone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...