Mamma Dolce BLOG

Pedofilia – Abusi – Violenza –

Spagna: la multa al giudice che lasciò libero il pedofilo che uccise Mari Luz. E’ polemica.

Lascia un commento

Il Giustiziere degli Angeli

Il caso di Mari Luz Cortes continua a creare scandalo in Spagna. La bambina scomparsa fu ritrovata dopo due mesi. L’accusato è un pedofilo recidivo che non era in carcere a causa di distrazione del giudice. Articolo di archivio.

 

Mari Luz

Mari Luz

Spagna/ Polemica su multa a giudice che lasciò libero un pedofilo – Condannato più volte, tornò a uccidere una bambina di 5 anni.

Madrid, 10 set. (Apcom) – Continua a destare scandalo in Spagna il caso dell’omicidio della piccola Mari Luz Cortes, la bambina gitana di cinque anni scomparsa lo scorso 13 gennaio a Huelva (Andalusia) e ritrovata morta il 7 marzo dopo quasi due mesi di ricerche a tappeto: il Consiglio generale del potere giudiziario (Cgpj, il Csm spagnolo) ha deciso oggi di sanzionare con una multa di 1500 euro il giudice Rafael Tirado, che non assicurò l’esecuzione della sentenza a cui il presunto omicida di Mari Luz, Santiago del Valle, fu condannato in passato per abusi su altri minori, fra cui la sua stessa figlia.

L’organo di autogoverno dei giudici iberici ha così respinto le richieste del pubblico ministero, che chiedeva che l’attuazione di Tirado fosse qualificata come “negligenza molto grave”, con pene come la sospensione fino a tre anni, il trasferimento o l’espulsione definitiva. Il giudice Tirado ha già annunciato ricorso. La pubblica accusa ricorrerà a sua volta contro la decisione, secondo quanto affermato dal ministro della Giustizia Mariano Fernandez Bermejo, secondo cui è “difficili” essere soddisfatti” con “così poco”.

Il padre di Mari Luz, il pastore evangelico di origine gitana Juan José Cortes, che dopo l’omicidio della figlia aveva cominciato una campagna per la reintroduzione dell’ergastolo per i colpevoli di reati di pedofilia ed era stato ricevuto dallo stesso premier José Luis Zapatero, ha definito la decisione “un colpo a tutta la società spagnola”. Cortes si è detto “defraudato” dalla giustizia. “Questo consiglio passa alla storia come quello che ha scritto la pagina più nera della società spagnola”, ha detto Cortes, aggiungendo di sperare nel nuovo Cgpj appena eletto per “adattarsi di più alle necessità della società spagnola”. Il padre della piccola ha anche chiesto al governo “che si impegnò dall’inizio per appurare le reponsabilità,che lo faccia”. Il nonno di Mari Luz ha minacciato di incatenarsi davanti al parlamento e di iniziare uno sciopero della fame.

Santiago del Valle era stato condannato nel 2002 a due anni e nove mesi di prigione da Tirado per aver abusato di sua figlia quattro anni prima. La sentenza non fu però confermata e resa esecutiva fino al 2005, e successivamente mai eseguita. Nel frattempo il presunto omicida di Mari Luz abusò di altri minori senza essere mai imprigionato per mancanza di precedenti. Tirado aveva inzialmente accusato della negligenza una funzionaria in congedo per cinque mesi, circostanza successivamente smentita dalla giunta dell’Andalusia, secondo cui il congedo era stato di appena 43 giorni. Il magistrato si è sempre giustificato con la mancanza di mezzi sufficienti nel suo ufficio per assicurare l’esecuzione della sentenza

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...