Mamma Dolce BLOG

Pedofilia – Abusi – Violenza –

Il silenzio di un bambino potrebbe essere la voce di un pedofilo!

Lascia un commento

Il Giustiziere degli Angeli

Ieri la notizia del prete condannato a pagare 40.mila euro alla vittima dei suoi abusi (minorenne all’epoca dei fatti e quindi condannato per pedofilia)… L’articolo riguardante questo prete lo trovi in questo archivio! Sempre oggi una notizia da Sydney: le vittime dei preti pedofili e le loro famiglie indosseranno una maglietta con scritti i 107 nomi dei preti abusanti durante la visita di papa Benedetto XVI.  Questo l’articolo di archivio! E allora, intanto che leggi e uomini di legge debellino questo “cancro sociale” leggiamoci la notizia confortante qui sotto riortata e da cui ho preso il titolo per questo articolo:

IL SILENZIO DI UN BAMBINO POTREBBE ESSERE LA VOCE DI UN PEDOFILO

Schh..

Schh..

Roma 10/07/2008 14:58
Pedofilia on line: ad oggi in Italia 205 arresti e 4.007 denunce
Roma, 10 lug. (Apcom) – Solo in Italia, ad oggi, la polizia postale ha messo a segno 205 arresti con l’accusa di pedopornografia on line e chiuso 177 siti pedofili. Altre 4.007 persone sono state solamente denunciate, perchè i reati commessi prevedevano una pena inferiore ai tre anni e quindi non si è potuto procedere con il fermo, mentre 3.949 soggetti sono stati perquisiti. Sessanta le operazioni di rilievo internazionale e 273.334 i siti monitorati. Quelli segnalati all’estero, alle autorità di competenza, sono 10.907, ma contro questi non si riesce ad intervenire: in totale sono due milioni i bambini coinvolti nel mondo. Sono i dati emersi durante il convegno “Bimbi nella rete. Il turismo contro la pedofilia on-line”. Dentro alcune abitazioni – ha detto Domenico Vulpiani, direttore della polizia postale e delle comunicazioni – abbiamo trovato intere videoteche di materiale pedopornografico”. Bambini e internet, dunque, un mondo di possibilità e di cose da imparare, ma anche un territorio a volte oscuro, nel quale si commettono reati nascosti dall’anonimato consentito dalla rete. “Il 99% dei pedofili trovati nella rete sono di genere maschile”, ha evidenziato ancora Vulpiani. Siti, chat, sms ed mms sono i trabocchetti nei quali cadono più spesso i minori, lontani dalla sorveglianza dei genitori, adescati dai delinquenti. La polizia postale, grazie al centro nazionale per il contrasto alla pedopornografia on line, ha inoltre creato una “Black list” dei siti pedopornografici stranieri: vengono segnalati alle aziende internet italiane e bloccati. Ad oggi la ‘Black list’ comprende 163 siti. L’incontro di stamattina è stato anche teatro della presentazione di uno spot realizzato dalla polizia postale che vede la partecipazione di Giancarlo Giannini. “Il mondo virtuale produce effetti reali – recita l’attore nel messaggio pubblicitario – il silenzio di un bambino potrebbe essere voce di un pedofilo”.

Fonte: Apcom

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...