Mamma Dolce BLOG

Pedofilia – Abusi – Violenza –

Amstetten: a giorni l’interrogatorio a Elisabeth Fritzl. Intanto quel “mostro” scrive la storia dell’incesto per venderla al miglior offerente!

3 commenti

Il Giustiziere degli Angeli

Nei prossimi giorni verrà interrogata Elisabeth affinchè racconti ai giudici i 24 anni di orrore provocati da quel “padre-mostro” che l’ha segregata. E questo l’articolo:

INTERROGATORIO DI VITTIMA AMSTETTEN
Verrà ascoltata 42enne Elisabeth; padre rischia accusa omicidio. Vienna, 8 lug. (Ap) – Cominceranno a metà mese gli interrogatori a Elisabeth Fritzl, la donna tenuta segregata per 24 anni in una cantina della casa di Amstetten, in Austria, dal padre-padrone Josef Fritzl che l’ha obbligata a un rapporto incestuoso da cui sono nati sette figli, uno dei quali morto poco dopo la nascita.

Joseph Fritzl

Josef Fritzl

Proprio la morte di questo neonato – di cui lo stesso Fritzl ha ammesso di aver bruciato il corpicino in un una stufa – potrebbe incastrare il mostro con l’accusa di omicidio. All’interrogatorio – ha rivelato il procuratore di St.Poelten, Gerhard Sedlacek – parteciperà anche un dottore per determinare come il neonato sia morto durante la prigionia. Gli inquirenti hanno atteso un po’ di tempo prima di interrogare la 42enne Elisabeth, tenendo conto delle sue condizioni psico-fisiche. Solo dopo verrà interrogato Josef Fritzl. Le autorità sperano di ottenere delle accuse formali contro Josef Frizl entro pochi mesi, il che permetterebbe di avviare un processo entro la fine dell’anno, secondo Sedlacek.

E quello che non capisco (scusate la mia ignoranza!!) è perchè si scrive “potrebbe incastrare il mostro con l’accusa di omicidio”… Tutto quello che ha fatto a sua figlia per 24 anni e la vita negata a quei ragazzi nati dall’incesto non bastano a dargli il carcere a vita?? non è già “incastrato” per questo?? Nel frattempo la notizia della vendita di un pallone usato nella finale “europei-2008” per 5.mila euro che verranno devoluti proprio alle vittime di Fritzl ci fà sentire un pò tutti vicini a questa donna ed ai suoi figli. Ma le mostruosità di Fritzl non finiscono neanche ora che è in carcere! Da qui si viene a sapere che la “bestia” sta scrivendo un racconto proprio su questi 24 anni di incesto per poi venderne la storia al miglior offerente!! Fritzl non è neanche una bestia… è molto molto meno e merita molto molto molto e di più di ogni male!

Annunci

3 thoughts on “Amstetten: a giorni l’interrogatorio a Elisabeth Fritzl. Intanto quel “mostro” scrive la storia dell’incesto per venderla al miglior offerente!

  1. Anch’io mi chiedo la stessa cosa, ma non bastano le mostruosità che ha fatto per incastrarlo? E’ assurdo!!! Ma poi, perchè gli permettono di vendere questo diario, perchè non lo bruciano?
    Vorrei vedere la faccia dell’avvocato che lo diffende. Ma esiste qualcuno sulla terra che abbia voglia di difenderlo anche per i soldi?

  2. sono disgustata da tutta questa storia e sono sconvolta nel vedere come questa ragazza anni fa sia scappata,abbia supplicato la polizia di nn rimandarla a casa ecc ecc e sappiamo com è andata….nn doveva essere difficile crederle visto che il padre aveva altre condanne x stupro no?? e tutto il resto,l indifferenza dei vicini,il contorno grottesco di chi nn ha voluto indagare su nulla…dopo la kampusch questo paese che è l austria mi piaceva poco,adesso nn li sopporto proprio.. nn ci andro’ mai,nn è solo fritzl che mi fa schifo ma anche tutti quelli che nn hanno voluto vedere o sentire!!!!

  3. Anch’io sono sconvolta, questo qui rischia solo 10 anni dopo aver torturato in infiniti modi quattro persone nel corso di 24 ed aver loro provocato danni psicologici forse irreparabili…. il problema e’ la scarsa incisività della giustizia dei paesi cosiddetti civili nel riconoscere i danni terribili delle violenze sessuali sui figli e in generale sui minori. Pochi anni fa c’è stato un caso analogo nella civilissima Gran Bretagna, un padre che ha violentato e messo incinta la figlia per anni (nessuno di questi figli e’ sopravvissuto) e a cui hanno dato solo tre anni di carcere. TRE ANNI, vi rendete conto???
    Questa deve diventare una battaglia ad ampio raggio, così come decenni fa si è aspramente combattuto in Italia per trasformare la violenza sessuale da un reato contro la morale a un reato contro la persona. Che differenza c’è fra i carnefici dei campi nazisti e questo pensionato austriaco? Moralmente, nessuna. L’unica differenza e’ che, da quanto ammesso da lui stesso, le indicibili sofferenze le ha inflitte alla sua propria figlia. E non l’ha uccisa una volta sola in una camera a gas, ma infinite volte ad ogni reiterata violenza, come il peggior film dell’orrore da cui non hai modo di scappare. Che schifo!!!!!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...