Mamma Dolce BLOG

Pedofilia – Abusi – Violenza –

Satanismo: la Toscana è sconvolta!! Si allargano le indagini!

4 commenti

Il Giutiziere degli Angeli

8.giugno.2008 firenze.repubblica.it

«Qualche tempo fa abbiamo fatto un rito satanico. C´è stata un´orgia alla fine della quale una donna è stata uccisa». E´ rimasto sconvolto il padre di una ventenne che vive nel Mugello quando ha letto queste parole nel diario della figlia. L´uomo ha portato la pagina alla polizia permettendo agli uomini della squadra mobile fiorentina di imboccare una pista che potrebbe risolvere un mistero risalente a due anni fa.

09.giugno.2008 Corriere Fiorentino

Inchiesta sul satanismo, nuovi sviluppi.
I teschi trafugati in ospedale fiorentino Ora gli investigatori stanno valutando le dichiarazioni di alcune persone, fra cui un genitore dei ragazzi appartenenti alla presunta setta, che lavora come dipendente nello stesso ospedale STRUMENTIVERSIONE STAMPABILEI PIU’ LETTIINVIA QUESTO ARTICOLO
Provenivano da un ospedale fiorentino, e non da un cimitero, i due teschi umani sequestrati dalla squadra mobile della questura di Firenze nell’inchiesta su una presunta setta satanica in cui, al momento, quattro giovani – due ragazzi e due ragazze – sono indagati per omicidio volontario, distruzione, sottrazione e soppressione di cadavere. I quattro sono collegati, secondo gli inquirenti, al ritrovamento, il 21 giugno del 2006 in autostrada, di sacchetti di plastica con ossa appartenenti ad una giovane donna uccisa. L’accertamento sui teschi era ritenuto importante per confermare, o escludere, un trafugamento da cimiteri. Sembra invece, che i teschi fossero custoditi come oggetto di studio nel reparto di un ospedale. Non c’è denuncia di furto per la loro sparizione e ora gli investigatori stanno valutando le dichiarazioni di alcune persone, fra cui un genitore dei ragazzi appartenenti alla presunta setta, che lavora come dipendente nello stesso ospedale.
LA PERQUISIZIONE. Oltre ai due teschi umani, gli investigatori esamineranno nei prossimi giorni il materiale sequestrato nelle case degli indagati, in particolare diari video, computer. Intanto, nelle ultime 48 ore sono pervenute alla polizia alcune segnalazioni anonime su luoghi di ritrovo per messe nere e altre abitudini dei satanisti attivi in provincia di Firenze. Vengono ritenute attendibili e saranno oggetto di verifiche. Un’altra verifica ha invece escluso suicidi nella cerchia di conoscenti degli indagati e dei loro amici riconducibili all’area cosiddetta dark-satanista. Il gruppo frequentato dagli indagati per omicidio, sarebbe formato da una trentina di appartenenti e si sarebbe aggregato soprattutto in ambito universitario. Ci sono anche alcuni professionisti. Insieme avrebbero maturato un interesse per le questioni sataniche partendo da piccoli raduni a concerti di rock estremo.

09.giugno.2008 espresso.repubblica.it

I quattro indagati per la morte di una donna frequentavano raduni in onore del marchese De Sade
Feste dark fra Prato e la Lucchesia
è qui che Satana ha allevato la setta
Laura Montanari
A questi ritrovi esoterici si affollano anche 5-600 persone alla volta e vi si accede soltanto su invito strettamente riservato
Il gruppo omicida si sarebbe costituito fra il 2000 e il 2001 partecipando agli eventi ospitati in una villa di Montemurlo
Gli accusati sono due uomini e due donne tra i 25 e i 27 anni, vivono fra Firenze e Pistoia
Uno fa l´operaio, gli altri tre sono disoccupati. Il delitto dovrebbe risalire al 2004 Un giro di feste dark e di altre stranezze, di musiche oscure, ritmi gotici mescolati a passioni per l´occulto. Inviti strettamente personali che girano fra una cerchia di adepti fidati, gente che apprezza serate all´insegna di discutibili motti del tipo: «nei rapporti interpersonali è sempre necessaria un´arma da taglio». Tra Firenze, Prato, la Lucchesia e il Bolognese, un giro di locali notturni, ma anche di ville abbandonate e casolari a pezzi dove si ritrovavano per «la nuit de Sade» o la festa delle bambole cinque o sei cento persone. E´ in questo giro dark che la squadra mobile di Firenze sta cercando di ricostruire incontri e movimenti dei quattro giovani accusati di aver fatto parte di una setta satanica. Gli adepti del «satanismo acido» una pratica che definisce forme rituali di messe nere, orge, droga, violenze. Sono giovani fra i 25 e i 27 anni, due ragazzi e due ragazze, accusati di omicidio volontario e occultamento di cadavere. Tutto nasce da un diario lasciato aperto da una ragazza e letto dal padre: «Qualche tempo fa abbiamo fatto un rito satanico. C´è stata un´orgia alla fine della quale una donna è stata uccisa». Il genitore si gela, strappa la pagina e la consegna alla polizia. Le indagini cominciano da lì e sono difficili. Grazie a qualche altro dettaglio trovato nel diario della ragazza si incrociano i dati con un´altra inchiesta, quella del ritrovamento di ossa umane in un sacco il 21 giugno 2006 ai bordi dell´autostrada A1, fra Barberino del Mugello e Roncobilaccio. Quello scheletro senza il teschio, senza cinque vertebre e privo anche delle parti inferiori delle braccia e delle gambe, potrebbe essere appartenuto a una prostituta dell´Est, età approssimativa intorno ai 25 anni, uccisa nel 2004 secondo gli accertamenti del medico legale. Nessuno ne ha mai denunciato la scomparsa, ma adesso gli investigatori sono convinti che quella donna sarebbe stata uccisa in un piccolo cimitero del Mugello proprio nel corso di un sacrificio satanico. Il gruppo secondo i primi accertamenti si sarebbe costituito fra il 2000 e il 2001, sabato mattina sono scattate anche ventitré perquisizioni di cui undici a Prato, le altre tra Firenze, Lucca, Livorno, Siena e Pistoia. Moltissimo il materiale sequestrato, gli agenti hanno recuperato due teschi umani su cui sono stati subito avviati degli accertamenti per risalire ai luoghi da cui sono stati prelevati, probabilmente dei cimiteri. Sequestrate anche spade, mantelli, monili con simboli satanisti, cd musicali con testi particolarmente violenti. Alcune delle persone perquisite oggi non fanno più parte della setta che avrebbe nel frattempo continuato a celebrare dei riti esoterici la notte nei cimiteri o nei locali dove si esibiscono delle band death metal, in ville prese in affitto o in ville abbandonate nella campagna tra Firenze e Prato. Uno dei luoghi simbolo del gruppo toscano (in contatto anche con persone che venivano da altre regioni e che si davano appuntamento in occasione dei dark-party) era la struttura dell´ex Cicognini di Prato dove sono state trovate scritte sui muri, resti di ceri rossi e neri, macchie di sangue di piccoli animali probabilmente sacrificati nel corso delle messe nere.
Il fenomeno del satanismo in Toscana è in crescita e raccoglie adepti soprattutto tra i giovani già a partite dai quindici anni. Secondo gli esperti, nella regione sono attivi una settantina di gruppi con oltre cinquecento aderenti. Le zone dove il fenomeno è più diffuso sono la Lunigiana, la Versilia (l´area di Viareggio in particolare), l´area metropolitana di Firenze-Prato-Pistoia compreso il Mugello, il Casentino e la Maremma. Una testimonianza viene anche dal fatto che nelle settimane scorse, in Lombardia, è stato riaperto il caso di Fabio Rapalli, l´uomo trovato morto il 7 settembre del 1996 a Pontremoli (Massa Carrara). Il decesso venne catalogato come suicidio, ma da settimane gli inquirenti che indagano sulle «Bestie di satana» hanno deciso di fare luce sull´episodio ritenendo che il suicidio possa essere stato indotto nell´ambito dei riti imposti dalla setta

Advertisements

4 thoughts on “Satanismo: la Toscana è sconvolta!! Si allargano le indagini!

  1. Mi meraviglio ancora una volta della volgare tendenza a parlare solo perchè in bocca si ha la lingua, o a scrivere solo perchè si ha in mano una penna.
    La vostra retorica è vergognosa, oscena e patetica.
    Evidentemente vomitare parole come “satanista” vi renderà giornalisti degni di nota, rispettabili sia dal punto di vista personale che professionale.
    Poco importerà se ciò che scrivete è una tutto DEPRECABILE MENZOGNA, ebbene sì, anche denunciabile.
    “Spade, mantelli, monili con simboli satanisti, cd musicali con testi particolarmente violenti”.
    Accidenti! Delle spade e dei…mantelli! Chiaramente oggetti di matrice satanista e malvagia!
    La vostra volgarità vi permette di scrivere articoli su cose non vere, spaventando e al contempo eccitando il cervello di lettori la cui mentalità si è fermata ai tempi dell’Inquisizione.
    Inducete genitori già deboli a dubitare dei propri figli, persuadendoli a fare attenzione alle cose più assurde, come ai gusti musicali o alle magliette che indossano. Ma non vi vergognate?
    Provate invece a scrivere COSE VERE, ad esempio le ragazzine di quattordici anni che vanno nelle discoteche cosiddette “normali”, quelle che veramente meriterebbero di essere rase al suolo, essendo siti di pedofilia, droga e grettezza
    Provate a scrivere COSE VERE, o magari a fare lo sforzo di vedere con i vostri occhi che i ragazzi “dark” sono studenti, lavoratori, gente normale che si diverte in maniera sana (fatta eccezione per qualche mela marcia), che ha gusti musicali storici e un gusto nel vestire magari eccentrico, ma con personalità, che MAI si sognerebbe di uccidere qualcuno o partecipare a qualche patetico rituale “satanico”. Ma soprattutto che non meritano di essere oggetto delle vostre ingiuriose calunnie.

  2. Allora prenditela con i giornalisti e con quelle eccezzioni delle “mele marce” che, a detta di chi indaga, sono andati ben oltre l’abbigliamento “dark” e l’ascolto di musica “metal” (Forsaken…) Ci sono tante cose che non vanno nella nostra società, comprese le discoteche “normali” dove ragazzine/i sono a rischio, ma allora si faccia qualcosa per evitare il peggio. Invece di sparare accuse di “ingiuriose calunnie” o di minacciare “denunce” improbabili (a chi poi?!)fai un passo avanti verso le persone “dark” e digli che la loro passione non deve assolutamente divenire devastazione nè verso se stessi nè verso gli altri! Le discoteche dove vanno i ragazzini intanto le butto giù io!! 😉

  3. Son siciliano di Pozzallo ( sotto me non vi e´ nessuno, quindi non mi faccio terrorizzare da nessun eventuale “ter.one” piu´ “ter.one di mia, aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa” ) e da giu li vedo tutto ( si vede anche dal basso, not worry at all; anzi, essendo noi del basso, umili, VEDIAMO E CAPIAMO TUTTO MOLTO MEGLIO DI SBRUFFONI E PAPPONI BERLUSXUXLUXKLONES VARII!!!!!!), e quindi, le cose, pur se guardando dal maximo meridione, le so´, E TUTTE. Le so´ ancor piu´ da quando trabagghiu ora, pero´, nell´estremissimo nord ( si, non son molto tipo da “mezze misure”), ossia nella casa del notissimo, super eroico, per me, Barone, tra i piu´ noti, ormai, al mondo, a livello di gentiluomini nobili: il Baron d´onor Leopoldo Pistelleng de Pistellenghy, residente in Cernobbio, Almost Suisse, ( come un po´ snobbbamente, ogni tanto, egli dice, allorche´ qualche wiskettino di troppo…; lui mi concede un po´di funny giogo, quindi…), grazie al mio simil fratello, ma non certo di tipo massone e meno ancor certo di tipo massonico-criminale, per benissimo: my kinf of brother and colleague, Salvatore Abbrasciaglia da Agrigento. Barone Leopoldo Pistelleng de Pistellenghy, che, mai da scordare, vide in P2 la nascita di Fininvest, tra i bauli pieni di cash killer di Stefano Bontade, l´emozione di Licio Gelli, la frenesia di Henry Kissinger, le sniffate di cocaina, nonche´ i mega riciclaggi di danaro sanguinariissimo di narcos colombiani dei due nipotini criminalissimi di Michele Sindona ( fratello p2 del super criminale Silvio Berlusconi; come al solito, VOLENDO DAVVERO GUARDAREEE, tutto quadra): il massone fasciorotariano Giorgio Magnoni di Sopaf ora mergariciclatore di danari criminali della Camorra, sia nostrana, che mondiale pure, e l´ex bancarottiere di Lehman, ora mega sciacqua danari mafiosissimi di mezzo mondo, il nazi Lions clubaro super money laundrier too, Ruggero Ruggiero Magnoni di Nomura. Questa storia della nascita di Ma..f..inivest, e´ pure ottimamente raccontata, d´altronde, dal grande Barone Leopoldo Pistelleng de Pistellenghy stesso, ed e´ leggibile googlando parole tipo Leopoldo Pistelleng Lucky Luciano. Andiamo al punto, pero´, ora. I fatti: simpatizzo sempre piu´ con la rete, e quindi vorrei che fosse ben informata, in caso qualche schifoso delinquente cercasse di abusarne. Vi e´un porco criminalissimo, l´assassino mafioso, pedofilo e satanista catanese Giacomo Jack Lagona, abitante in Cordenons provincia di Pordenone, Via Cortina, tel 0434.583177, che, dopo aver ammazzato otto persone in Sicilia dell´est e zona Palermo/Corleone, e averle sciolte nell´acido ( in alcuni casi), o averle “spiedinate” e date da mangiare a cani e porci ( esatto come lui, in altri casi), e´ ora andato ad estorcere e spacciare nel nord est di Italia e mittle/est d´europa, mega quantitativi di droghe varie ( import export tra Italia, Slovenia, Croazia, Romania, Albania, Austria, Germania: cocaina, eroina, fumo vario, ecstasy ect ect). L´assassino mafioso catanese satanista e super pedofilo lurido Giacomo Jack Lagona, ora in Cordenons ( lo scrivero´sempre il nome di detto paese del Pordenonense, in quanto so´che sto verme dice sempre ” eeee, ma sara´ un altro Lagona”; fa´ fess a sorrt, assassino bas.ardo lurido puzzone, io ti distruggo in sette secondi, cesso lurido, occhio, con me le prendi e da ogni punto di vista!!!!!!!!!!!!!!!), a volte si fa´ nickare anche solo Jack, ma la sua faccia orribile da deficiente ciuccione idiota la mette nel video, e quindi, lo super riconosco: vedi viso da schifoso mafioso che pone fuori su Facebook. Detto verminoso assassino catanese nazifascista mafioso pedofilo satanista Giacomo Jack Lagona, ora in Cordenons, ha ucciso una bimba di 13 anni, l´ha carbonizzata e l´ha data in pasto a animali come lui. Trattasi di un massone pedofilo luciferino schifosissimo, e quindi, si dice che prima….I suo mandanti sul web, sono l´altrettanto suino “naziciarolo” traviato sessuale mega mandante di killer, neo con e neocornuton, anzi, neo e old cornuton, Giuliano Ferrara ( gia´omosessuale, anzi, ricchione segreto, che e´ cosa piu´viscida, nascosta e quindi meno “onorevole”; Giuliano Ferrara, dicevo, assoluto terrorsita assassino, pianificante di mettere bombe sul set dell´ottimo “Il Caimano” di Nanni Moretti; Giuliano Ferrara, gia´ culatone occulto e PURE di tipo pedofilo, nonche´, ora, impotente da decenni e maniaco di voyuerismo, ovviamente, specie di tipo pedopornografico; google ” mignottona Anselma Dell`Olio penetrata sessualmente da gigolo´turchi e albanesi” e capirete ….); il figlio di massone satanista assassino terrorista, Luca Sofri, altrettanto complottardo satanista furbastro e viscido pure lui; l´altrettanto massone fintoetico triplafaccia e corrottissimo Enrico Letta ( i due Letta mi fanno schifo, e l`Italia, prima li scalcia via, E PER SEMPREEEEEE, e meglio e´; si fingono per bene, ma son corrotti da vomito e fanno assassinare: bastardi porci; ovvio che il pil italiano crolla, che in tutte le classifiche internazionali l´Italia precipita, che il debito si gonfia piu´dell´ego e della panza del ricchione occulto, traviato sessuale e pedofilissimo Giuliano Ferrara; coi suini papponi killer Enrico Letta e Gianni Letta, ossia due zozzi massoni trasversaloni steccattissimi, sempre, strategicamente, “in goppa”; mo uno, mo l´avt, simm appost wagluince´… ); il nuovo Belzebu´ italiano, il mandante di mille omicidi, il porco super Pio Pompinaro, gia´citato, puzzone corrotissimo Gianni Letta ( google ” l´omicidio massonico, tutti lo vedono tranne gli inquirenti” per fare capire come fa´ a far uccidere, centinaia e centinaia di persone, il topo di fogna killer Gianni Letta). Suo mandante e´ pure l´omosessuale di tipo marchettaro ( mera verita´, quindi…), il fratelluzzo massone di Alessandro Martello, infatti, pure lui, mega spacciatore di cocaina in Roma: Francesco Costa di francescocosta.net ( marchettaro omosessuale e pusher di droga per puzzoni varii vip; infiltratosi nel pd ora, ovviamente, per “fotterlo”, come da sempre, lo schifoso viscido Giuliano Ferrara, ama far fare con detta migliore parte d´Italia: il centrosin, ma di tipo per bene, ossia quello alla Antonio Di Pietro, Nicola Tranfaglia e Gianni Vattimo, lui ultimo, pure gay, ma di tipoammessissimo e quindi pulito, dignitoso, in one adjective: ONOREVOLISSIMO; il topo di fogna massone corrottissimo all´estero da Silvio Berlusconi, via Il Foglio ~da wc~, schifosissimo affiliato masson/mafioso Francesco Costa di francescocosta.net, infatti, fotte si il pd, ma pure si fa´ fottere poi, alla pari, come citato, della, ormai similzoccolona moglie del Ferrara stesso, da varii gigolo´omosessuali pagati dal Giuliano Ferrara in questione, affiche´ detto ultimo porcone sfondato impotente da decenni, possa”godersi” qs vomitevolissime visioni; niente contro gli omosessuali onesti e autodichiarantisi, sia chiaro, ripeto, SIA CHIARO; ma quando di tipo viscido, segreto, quando prostituentesi a fini di carriera e cash abroad, allora, qualche fastidio, non nego, essi me lo suscitano; qs e´ l´estabilishment italiano Berlusxuxluxklanista trasversalone attuale, che schifo!! ovvio che il Botswana e l´Uganda ci superano in un mare di classifiche di tipo economico internazionale e speriamo che presto lo faccia pure il Rwanda, il Malawi e l´Etiopia a qs punto, visto che…..; ovvio che il pil ha perso ultimamente il 6 per cento, che il debito vola!!!!!!!!!!!!). Continuiamo col mio vero leit motiv, comunque, ora: con qs mio seriissimo warning. Il blog lurido dove l´assassino catanese mafioso nazista massone pedofilo satanista Giacomo Jack Lagona, imboscatosi ora in Cordenons, scrive, ovviamente, e´ un sito vomievolissimo, disonestissimo e delinquenzialissimo: openworldblog.org. Perche´ non onesto, perche´ la vede differentemente da me? Non di certo!! Amo da sempre la democrazia, e per davvero ( infatti, nulla mi fa´schifo´piu´del nazifascismoderno Silvio Berlusconi e non son viscido come i due schifosissimi porci corrottissimi massoninciucioni Gianni Letta e Enrico Letta) . Lo e´, in quanto trattasi di blog diarreico, che si finge antiBerlusconiano, ma e´, NEI FATTI, Berlusconianissimo, via suoi messaggi subliminali porci zozzi ( stessa tattica del´altra puzzona diarrea di francescocosta.net; tattica atta, ovviamente, a delegittimare e screditare GLI ANTIBERLUSCONIANI VERI!!!!! tutti soliti trucchi “disarticolanti Pio Pompinari”, per capirci”). Nel web, ove schifosamente latra il pluriassassino mafioso etneo nazista pedofilo porco satanista assassino Giacomo Jack Lagona ora in Cordenons, il puzzone stesso, si comporta da deliquente schifosissimo, quale e´ e stra e´. Tu scrivi qualcosa, se esso ( per fortuna) non e´ in linea con le sue convinzioni pedofilo-luciferine-massonico-naziste-sanguinarie, e lo setsso che esprimi non e´ pro mafioso assassin mandante Silvio Berlusconi ( NEI FATTI), egli te lo cancella, ti insulta, ti deride, vilmente ricancella le tue risposte, cerca di sozzarti il piu´ possibile via motori di ricerca varia facendo pompare il tutto, ovviamente, dai schiosi porci del TgCom e ponendo michiatine subliminali tipo “print this” ( adesso, sto cesso assassino Lagona, essendo egli da sempre codardisssimo, si finge vittima, e dice che modera i commenti; ovvio, la verita´ del suo essere criminale sanguinariissimo lurido e lercio sta venendo sempre piu´a galla e quindi il topo di fogna in questione, arretra!!!) e scrofa bugie luride tipo che scriveresti e mails non veri ( quando li scrivi di verissimi!!!!) e odiosita´ vigliacchissime simili. E non ti fa´, da schifoso topo di fogna ( stile, i due Letta), replicare. Ti sberla, ma non ti permette risposta, e poi ti risberla alte sei volte: questo io lo denunciero´ in Procure varie, ma ancor piu´ in tutto il mondo, via web e non solo, e per sempre!!! Poi ( a prova del fatto che trattasi di piano criminale organizzato in tutti i dettagli, ovviamente dai citati schifosissimi del Tgcom del satanista puzzone nazista Sauro Bolzoni e suo bosses criminali Stefano Ventura e Paolo Liguori del TgnaziCom stesso) manco mette egli un e mail o numero di telefono ( figuriamoci; serpente vile che altro egli non e´) a cui puoi scrivere per protestare, a proposito dei suoi ma..f..ascisti premeditati trappoloni: colerico cesso, verme, biscia, sterco di cagnaccio e topo di fogna vigliacchisimo al massimo che altro non stra e´. Quindi: mafioso, pervertito pedofilo nazista mafioso etneo assassino Giacomo Jack Lagona ora in Cordenons, trattasi di pazzo drogatissimo, mega spacciatore, nonche´ estortore satanista omicida di Cosa Nostra. Connesso al clan Ercolano Santapaola. Uccise ai tempi 4 persone con Carmelo Puglisi, il Puglisi e´stato preso, ma lui…..e´solo scappato in Friuli Venezia Giulia. Ve lo vorrei per l´ultima volta ricordare: l´assassino maniaco pazzo drogato catanese mafioso satanista Giacomo Jack Lagona, ora in Cordenons, ammazza addirittura con bramosita´, con maniacalita´, con perversa passione massonicofasciodemoniaca, spaccia droga in enormi quantita´ in continuazione tra Austria, Deutschland, Est Europa e nord est italiano. Estorce, uccide e fa´ sparire corpi anche in tutta questa area, ora. Questo e´ solo l´inizio delle infos che daro´ sul mafioso nazist pedofile killer Giacomo Jack Lagona by Cordenons ( pretends to be pro Obama Barack, but is a bastard dirty nazifascist and xuxluxklanist murderer). Non credete ai link antimafiosi che mette sul suo sito, solito depistaggio lurido neold piduista che puo´ far fesso solo alla nota prostituta di strada di sua madre, si, perche´ sua madre era mignotta ( e quindi pure lei super Berlusconiana, come tutte le zocc…; google mignottocrazia y capiras), e´ la pura verita´, nulla altro che il mero vero. La madre dell´assassino catanese mafioso nazista perverso pedofilo satanista Giacomo Jack Lagona, ora in Cordenons, si prostituiva UFFICIALISSIMAMENTE in Catania, zona via Etnea e via Monserrato, dove infatti, poco tempo fa, negli immobili ove ella, piena di malattie varie, si vendicchiava ( 7 euro, si dice), son stati posti sigilli blocca tutto. A Catania, infatti, tutt´ora e´ricordatissimo questo ritornello: “Giacomo Jack Lagona schifoso assassino, tua madre e´ battona e tu si cessu chino””! And they really meant it! Criminalissimo super assassino, pedofilo massone etneo satanista figlio di vera prostituta Giacomo Jack Lagona di Catania, ora in Cordenons, via Cortina, telefono 0434.583177: uno schifoso mafioso pluriristrapluri omicida infiltratosi nel web, attenzione a non farvi fottere, non incontratelo mai, potreste finire vittima dei suoi schizzi killer. Vi invitera´sto mostro porco, ma poi vi sparera´ e vi sciogliera´in acidi varii, o vi abbrustolira´ e dara´ in pasto a suini mexicani come lui. Occhio, web guys per bene. Pronto a tutto, a tuttoooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo. Felice Catacusemme di Pozzallo Ragusa, neo maggiordomo casa Baron d´onor Leopoldo Pistellleng de Pistellenghy Cernobbio alt´Italy.
    Ps Scordavo, si fa´chiamare Jack, non perche´ il suo nome idiota e´ Giacomo, ma perche´adora Jack lo squartatore ( della putta.ona ea mamm), e detto questo…

  4. Ah, la finissima e immensa astuzia del male, nacondersi e palesarsi, negarsi e affermarsi, parlare e tacere, sedurre e inorridire, dispiegarsi e confondere, infine essere non essere, questo il problema. La sottile linea di confine, la zona grigia, la bruma ove il chiaro e l’oscuro s’incontrano, il giorno dà luogo alla notte, le forme delle cose si confondono, la luce e l’ombra si fondono in una tinta non tinta, un colore non colore dove ogni può esser bello e non esserlo, buono e non esserlo, ove gli opposti stremano. I Francesi nominano trompe l’oeuil ciò che nominiamo appparenza, la notte ideale ove tutte le vacche sono nere. Ma la luce a tergo dell’occhio, la luce della ragione le vede per quello che sono, delle vacche. E lo dice.
    Parlare perché si possiede una lingua! A cui ripondo, parlare quando non si possiede il linguaggio, un’assenza ove le parole rimbalzano, rimbombano quali monetine nel bossolo vuoto, le parole, i termini (in tal senso invito a porsi il quesito perché mai la parola si possa altresì definire “termine”, o la fine di qualcosa) le parole dico, o termini come l’amore, la verità, la giustizia la pietà, gettate nelle vuote piattaforme mediatiche come carte da gioco da divertissement pubblicitario, perduta la profondità, perduto il senso…. il principio che la parola pronunciata porta alla luce, de..finisce, circoscrive, se la vita è un gioco, se vincerla è manipolare, allora la parola vergogna cessa di accompagnare alla disamina d’un sentimento di immisurabile profondità, che s’ingenera nello spirito umano da un’idea o una azione o una colpa di altrettanta bassezza, sia pura l’azione sia e si mantenga misurabile.
    Ora come misurare, quale l’unità di misura che calcoli e definisca le proporzioni da assegnare alla morte di una donna! e quali parole associare a tale bassezza, quando la parola vergogna oggi si associa volentieri alla cosiddetta retorica di coloro che l’omicidio, lo stupro, sissignori il Satanismo, misurano, definiscono, un crimine contro l’umanità?
    Se le parole vergogna, oscenità, patetismo si addicono alla retorica che tiene in mano la penna, cosa si addice all’omicidio?
    Ed eccoci alle spade, ai mantelli, ai monili, quale indecenza, quale deprecabile menzogna nominarli dei simboli satanisti.
    Parliamo di simbolo? Allora parliamone!
    Il simbolo, dal greco sym-ballein, nella lingua greca intende: convocare, mettere assieme. E’ infatti la parola che convoca due o più persone, due o più immagini, in certo modo le mette insieme.
    Scomodiamo ora una parola rara, l’ermeneutica. Il linguaggio dell’ermeneutica (l’interpretazione) utilizza un linguaggio dove le parole non sono segni, tracce, ma “simboli”.
    Ora i mantelli le spade i monili in quanto tali sono oggetti, pertanto non sono buoni, non sono cattivi, non possedendo una identità personale. Riposti non possono arrecare alcun male, le spade del collezionista riposte in una teca non feriscono, le spade nelle mani di un soldato possono uccidere secondo la logica della battaglia, nelle mani di un bambino possono colpire casualmente, nelle mani di un criminale possono colpire volontariamente. Così le spade vengono a essere funzionali allo scopo per cui le si utilizza e non in quanto spade. Assumono l’identità del fruitore. Così i mantelli, così la musica rock, così i monili di vario utilizzo.
    Ma, se utilizzati secondo scopi segreti e convocati nella disamina di oscure vicende, si interpreta tra l’oggetto e il fatto un rapporto non di rispondenza ma di cor-rispondenza. Sono cioè uno risposta all’altro, e al contempo si trascendono. Nel senso che per cor-rispondere bisogna uscire da sé stessi e raggiungere un punto mediano, l’intescambio.
    In pratica l’oggetto corriponde a uno scopo che trascende lo scopo per cui si suppone debba servire, un mantello riscalda un monile adorna, perché il fruitore dell’oggetto assegna all’oggetto uno scopo simbolico che trascende il normale utilizzo dell’oggetto.
    Così un mantello che di per sé è solo una veste utile quanto insignificante, in una data ritualistica può rappresentarsi quanto mai significante, nel senso della convocazione simbolica alle ritualistiche sacrificali.
    E’ funzionale a un dato scopo. Come una maschera, un monile o quanto altro.
    Come può allora una persona non al corrente di fatti al vaglio degli inquirenti, come può questa persona parlare di Cose non vere non essendone a conoscenza e non potendo e non volendo fornire una diversa interpretazione? Come può negare la ritualistica satanica, su quale base interpretativa?
    Se al contrario le conosce, deve dire: vi dico che non sono vere perché partecipando a sedute o rave, o adunate in esame io non ho mai visto utilizzare spade o oggetti contro qualcuno, non ho mai visto utilizzare un mantello o un monile come simboli di potere e di suggestione.
    Però non lo dice.
    Se non le conosce come può accusare di menzogna chi le afferma veicoli di satanismo.
    Perché, seguendo il linguaggio dell’ermeneutica non ci fornisce una diversa interpretazione? Magari degna di interesse?
    Per finire, se invece conosce, ma non dice, ella mente e afferma a sua volta cose non vere.
    Tirare in ballo l’Inquisizione senza conoscerla, senza avere letto un solo rigo al di fuori della facile divulgazione, non sapere che la detta inquisizione operò massicciamente nei paesi di confessione protestante, assai più capillarmente e odiosamente che nei paesi a confessione cattolica, è operazione facile e banale. Consumata. Nessuno qui vuole difendere l’inquisizione, ma non difendere non implica non sapere. Non sapere che l’inquisizione se la dovette vedere assai prima di noi, con quello che vediamo oggi, in un Sapagna cattolica, ad esempio dove in certo momento della storia, l’esoterismo e il satanismo dilagarnono, anzi deflagrarono in maniera impressionante.
    Non che i metodi adottatti per stroncarli siano da assolvere al completo, il male non si stronca con la tortura e la morte, ma dobbiamo anche considerare la realtà sotorica e la cultura dei tempi. Non era ancora nato il Beccaria, la scienza non avanzava ancora le tesi di oggi, lo spirito dei popoli era duro, ferino, violento, uso com’era alla guerra, uso alla fame al freddo alle difficoltà esistenziali oggi ampiamente superate.
    Che le discoteche siano luoghi ambigui, di smercio di carne e di sostanze stupefacenti se non peggio è storia nota, che meritino o no di essere rase al suolo è quesito che in questa sede non ha senso porsi, e comunque ponendoselo un breve istante, dovremmo convocare il sistema sociale e politico e soprattutto economico che le “mantiene in piedi”. Per cui non è la discoteca il problema ma chi permette che ci si arricchisca sulla pelle dei giovani. Evitando magari di benedire il sistema nella cabina elettorale.
    La parola induzione, riferita ai genitori detti deboli, o persuasione, rimanda dolorosamente alla sindrome da alienazione parentale, la SAP o PAS e non procedo oltre. Basta leggersela.
    Infine questi genitori deboli e imbecilli che pongono l’attenzione sulle cose assurde, come magliette e musica, forse le intuiscono delle simbologie pericolose, se male utilizzate o utilizzate come mezzi di aggregazione e riconoscimento di massa, perché non attraverso una maglia e un cd alla moda la personalità di un essere vivente si deve esprimere, formare, aprire al senso, ma mediante un cammino individuale di approfondimento e di ricerca culturale. Se il senso risiede in una maglia o in un taglio di capelli, allora l’uomo diventa un individuo fra altri individui. Forse i genitori promuovono la personalità del singolo, le magliette la sua spersonalizzazione.

    Ritorna l’esordio, la notte in cui tutte le vacche sono nere!
    Per finire i riti satanici sono tutto fuorché patetici. Invito chi non ne fosse al corrente ad approfondire l’argomento.
    Alla gentile commentatrice auguro la fortuna di non incontrare mai sulla sua via individui come il Pacciani, il Vinci, Narducci o qualche manovale della Rosa Rossa. O qualche adpeto di sette limitrofe che si contano ormai a migliaia, ove si inneggia a satana, si stuprano donne e bambini rapiti, si presentano le ostie consacrate rubate nelle chiese, e infine si sacrifica tutta questa carne inutile a…. chi? La menzogna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...