Mamma Dolce BLOG

Pedofilia – Abusi – Violenza –

Pedofilia: chiesti 8anni per don Stefanoni; indagato anche il vescovo Maggiolini

3 commenti

Il Giustiziere degli Angeli

 

Oggi la richiesta del PM al processo contro don Mauro Stefanoni!! La giustizia si muove e nella giusta direzione anche se c’è da dire che le condanne, rispetto al reato di pedofilia e abusi sessuali sui minori, sono sempre di pochi anni rispetto a quanto male viene inflitto alle vittime di certi “esseri”. Otto anni sono pochi pochi pochi. Ora ci sarà da stabilire anche quale condanna eventuale ci sarà da infliggere al vescovo Maggiolini che viene indagato per favoreggiamento nei confronti di Stefanoni!! Immaginate quale colloquio possano aver avuto i due?? <stanno indagando su di te, Mauro. Stà attento, copri le tue colpe… non ti far scoprire!!>… Ecco due articoli di giornali di oggi su questo caso!!!

 

 

(AGI) – Como, 13 mag. – Il Vescovo Emerito di Como, Monsignor Alessandro Maggiolini e’ indagato dalla Procura di Como per favoreggiamento nell’ambito dell’inchiesta che proprio ieri ha portato il vice procuratore capo Maria Vittoria Isella a chiedere 8 anni di reclusione nei confronti di Don Mauro Stefanoni, l’ex parroco di Laglio e Brienno (Como) finito a processo con l’accusa di violenze sessuali ai danni di un ragazzino disabile mentale, 14enne all’epoca dei fatti. Secondo l’ipotesi accusatoria mossa nei confronti dell’ex capo della Curia Comasca, Maggiolini nel novembre 2004 avrebbe convocato don Mauro mettendolo in guardia delle indagini in corso, dandogli cosi’ la possibilita’ di “mantenere un comportamento tale da sviare le indagini”. Proprio durante la sua requisitoria di ieri il Pm aveva detto a chiare lettere che “questo processo e’ padre di tanti altri”. Per ora non e’ ben chiaro a quando risalga l’iscrizione sul registro degli indagati di Monsignor Maggiolini che gia’ a suo tempo emise un duro comunicato stampa a difesa di don Mauro. Si propose come testimone a difesa ma il collegio giudicante del Tribunale di Como non ritenne di includerlo nella lista testimoni.

 

Fonte: Il Giorno – Como, 13-5-2008

Il pm ha concluso la ricostruzione dei fatti contestati a don Mauro Stefanoni. Accusato di abusi su un ragazzino. Chiesti otto anni per l’ex parroco!!

 

UNA CONDANNA a otto anni di carcere per abusi sessuali nei confronti di un minorenne: così ieri, al termine di una requisitoria durata cinque ore, il pubblico ministero Maria Vittoria Isella, ha concluso la ricostruzione dei fatti contestati a don Mauro Stefanoni, ex parroco di Laglio e ora applicato a Colico. Il sacerdote è accusato di aver abusato sessualmente di un ragazzino frequentatore della casa parrocchiale, affetto da una forma di scompenso mentale, che all’epoca aveva 17 anni. Fatti che risalgono al periodo tra fine 2004 e inizio 2005, quando don Mauro fu oggetto di intercettazioni ambientali e telefoniche per monitorare i suoi eventuali rapporti con la vittima, dopo che gli insegnanti e i compagni di scuola del ragazzo lo avevano spinto a denunciare una serie di episodi che aveva raccontato.

A QUESTE intercettazioni si lega uno stralcio di indagine avviato dal pubblico ministero a carico della Curia di Como, all’epoca retta dal vescovo Alessandro Maggiolini, per verificare un’eventuale ipotesi di favoreggiamento nei confronti dell’imputato. Circostanza che deriva dalla stesse dichiarazioni di don Mauro quando venne sentito nel corso del processo, il quale disse di essere stato convocato in Curia il 16 novembre 2004 e avvisato del fatto che la Procura stava indagando su suoi rapporti con il ragazzino. La requisitoria ha ricostruito fasi e circostanze della vicenda: «Videocassette, videocassette e film pornografici acquistati su Sky, chat frequentate e nikname utilizzati, gli stessi rapporti con Luca Mastromarino, ex parrocchiano di Ponte Tresa, costituiscono una cornice perfetta al quadro dipinto dalla vittima», in un processo che, secondo il pm, «è già madre di altri processi», per le accuse di falsità e le calunnie nei confronti della Procura e delle parti civili per la quali è stata chiesta la trasmissione degli atti.

QUANTO all’attendibilità del ragazzo, soprattutto in relazione al problema fisico – la fimosi serrata di cui si è lungamente parlato durante il dibattimento – da cui è affetto don Mauro, il magistrato ha sostenuto che gli abusi ci sono certamente stati «anche se di natura leggermente diversa rispetto a quanto riportato dalla vittima, che si appropriò di immagini acquisite da altri nella spasmodica speranza che qualcuno gli credesse». Cinque ore in cui gli elementi dell’accusa sono stati ordinati con toni pacati e chiari: «La Corte non pronunci una sentenza di assoluzione per mancanza di prove – ha concluso il pubblico ministero – ma piuttosto per insussistenza dei fatti contestati, perché significherebbe ammettere che le persone deboli non sono degne di tutela da parte dell’ordinamento giudiziario».

Annunci

3 thoughts on “Pedofilia: chiesti 8anni per don Stefanoni; indagato anche il vescovo Maggiolini

  1. Leggo una miriade di cretinate su questo blog e simili, che non ritengo neppure meritevoli di risposta (anche perchè è già stato fatto ampiamente in aula di tribunale, luogo adatto per celebrare i processi).
    Chiedo solo un atto di coraggio da parte di chi con tanta codardia, nel più vigliacco anonimato (come tutto ciò che si esprime su questo blog) mi ha definito “avvocato di preti pedofili”: PRESENTATI oppure CONTATTAMI! Sai chi sono e ti ho messo qui, contestualmente il mio indirizzo e-mail.
    Avrò occasione di chiarirti tutta la vicenda!

  2. Egregio Avvocato, mi spiace per quanto riferisce qui in questo blog! Come tutti quanti anche Lei è libero di non leggere le “cretinate” che scrivo e di pensare che non merito risposta (libera scelta anche questa!). Mi dispiace invece molto di più che Lei stia accusando me di averLa citata con un così sgradevole epiteto: non l’ho fatto e non è nella mia formazione educativa farlo!! Spero che in un momento di rabbia Lei abbia sbagliato il destinatario del suo sfogo!

  3. Accusato senza prove… che possa essere omosessuale posso condividerlo ma questo gli procurerebbe una sospensione a divinis (una penana canonica=ecclesiale) ma non costituisce reato in Italia. Dal fatto che sembra essere omosesusale a dire che ha abusato del minorenne mi sembra che ce ne corra… stiamo tutti attenti, giriamo dalle persone a 8 metri di distanza… qualcuno un giorno per prendere dei soldi ci potrebbe accusare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...